A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

A Napoli Piazza Leonardo è il nuovo polo dello street food

Le saracinesche si rialzano nel quartiere Vomero di Napoli, aprono Spritzerò, Birra e Noccioline e Lello delle Granite

Ristorazione Redazione 5 - 13 Maggio 2022


Le saracinesche si rialzano nel quartiere Vomero di Napoli, le attività si rianimano. Oggi Spritzerò, noto brand del mondo degli aperitivi, Birra e Noccioline, birreria con oltre 60 birre diverse, e Lello delle Granite, il re dei cento gusti di granite, aprono i battenti nei locali di Piazza Leonardo. Nei prossimi mesi ci sarà ancora una nuova apertura, si vocifera di un american fast food di una famosa catena di burger.

Quell’angolo di piazza, caratterizzato da aiuole, panchine, scalini e ampi spazi, dovrebbe essere intitolato nei prossimi mesi a Luigi Necco, amato giornalista e scrittore napoletano, volto storico per 15 anni di 90° minuto della Rai negli anni degli scudetti del Napoli di Maradona, morto 4 anni fa all’età di 84 anni.

Da notare che tutte le attività nate hanno recuperato spazi chiusi e ristrutturato locali dismessi da moltissimi anni. A dare vita e impulso a questa ripresa c’è senz’altro il lavoro di imprenditori che stanno operando ognuno con competenze specifiche, ma anche mettendo insieme le proprie forze.

Rappresentiamo la riqualificazione di un’area del Vomero da troppi anni dismessa e abbandonata, un presidio di legalità che ci rende orgogliosi dei sacrifici che ogni giorno compiamo con i nostri collaboratori – ha spiegato Davide Schiano, Co-Founder di Spritzerò. Quando un anno fa abbiamo preso i locali di piazza Leonardo, è sembrato a molti un azzardo più che una scommessa; ma al mio socio Paolo piaceva tantissimo ed è stato lui a convincermi subito sulle potenzialità delle future serate mondane di zona. Avremmo dovuto inaugurare già a fine dicembre scorso, poi il covid19 ha stravolto ancora una volta tutti i piani. Ma non la nostra voglia di perseguire l’obiettivo di aprire il sesto Spritzerò nella nostra città. Siamo imprenditori e in quanto tali amiamo il rischio, ponderato ma è pur sempre rischio, sono le sfide che ci piacciono. Spritzerò è una realtà fantastica, con una storia incredibile alle spalle, oggi protagonista nella nostra Napoli e già in alcune regioni dello stivale in formula franchising. Con pochi euro abbiamo dato la possibilità al pubblico di godere del mood dell’aperitivo, di ritagliarsi tutti i giorni una pausa veloce dopo lavoro o una uscita serale con gli amici senza intaccare le proprie disponibilità economiche. Oggigiorno i nostri spritz sono bevuti dai napoletani quasi nelle stesse quantità del classico caffè, i nostri spritz sono entrati nella cultura partenopea. Abbiamo creato un format senza barriere sociali, senza distinzione di età: questo ci rende ancora più orgogliosi di quanto fatto finora”.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 5

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍