Dolomia è la prima acqua minerale col marchio IoSonoFvg

Conferme importanti e new entry per l’edizione 2022 di Beer&Food Attraction

Annunciate le vincitrici del concorso nazionale “Extra Cuoca – Il talento delle donne per l’olio extra vergine di oliva”

Federico Casucci vince Do It Dry! con il ready to drink Kolino

Barhandbag: da una start-up italiana il rivoluzionario calice mondose

Un calice di vino da poter degustare con calma in qualsiasi luogo, ad un pic-nic o durante un viaggio: è questa l’innovativa proposta della start up Liquid Division che con il suo Barhandbag si propone di rivoluzionare il tradizionale modo di bere fuori casa. Barhandbag è un calice monodose pronto al consumo realizzato in PET […]

Vino & Spumante Redazione - 28 Giugno 2018

barhandbag

Un calice di vino da poter degustare con calma in qualsiasi luogo, ad un pic-nic o durante un viaggio: è questa l’innovativa proposta della start up Liquid Division che con il suo Barhandbag si propone di rivoluzionare il tradizionale modo di bere fuori casa.
Barhandbag è un calice monodose pronto al consumo realizzato in PET privo di bisfenolo, un composto organico presente nella plastica ritenuto da tempo dannoso.
È dotato di un innovativo tappo a vite filettato capace di contenere circa 187 millilitri di vino frizzante o fermo (i vini proposti per ora sono Brut, Merlot, Chardonnay) conservandone in modo perfetto l’aroma.
Una volta aperto il contenuto può essere consumato entro tre giorni dopodiché il bicchiere può essere riciclato o riutilizzato: il calice grazie al gambo richiudibile può diventare tascabile e quindi trasportabile ovunque, ad esempio ad eventi che prevedono degustazioni.
Barhandbag si propone come soluzione ideale per pranzi all’aperto o per quei luoghi dove per motivi di sicurezza non è possibile introdurre vetro; ma anche su navi da crociera o aerei dove oltre la sicurezza subentra il problema del peso e dell’ingombro.
Oltre a quello per vino Liquid Division ha progettato il prototipo di bicchiere “on the go” per birra e quello un po’ più capiente per Spritz, un omaggio dovuto al Veneto, terra di due dei fondatori della start-up.
E sempre dal Veneto che provengono i vini serviti in Barhandbag, ed è qui, ancora, che la start-up vorrebbe continuare a sviluppare il proprio business che continua a crescere soprattutto nei mercati esteri; già prima di iniziare la produzione l’azienda, come raccontano gli ideatori al Corriere della Sera, può contare su circa due milioni di ordinazioni da ogni parte del mondo.
Insomma, Barhandbag propone un modo nuovo e innovativo di bere vino, che oltre ad essere utile può anche aiutare a diffondere ulteriormente oltre confine i nostri vini, già molto apprezzati all’estero.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 2.5/5 (2)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
     
    🔍