A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

Birra del Borgo. Chiude lo stabilimento storico, dipendenti licenziati

Sono state mandate a casa più di 40 persone, mentre lo stabilimento storico di Collerosso viene chiuso. È grave la crisi di Birra del Borgo.

Attualità Aziende Birre Redazione 2 - 26 Gennaio 2022

      Ascolta la notizia in formato audio

Birra del Borgo, realtà artigianale dallo storico stabilimento di Collerosso in provincia di Rieti, era stata acquisita nel 2016 da Ab InBev, la più grande multinazionale leader mondiale della birra. La pandemia e la grave crisi che ne è conseguita, e che ha colpito trasversalmente tutti i settori, è caduta come una mannaia sull’azienda, costringendo al licenziamento di 42 dipendenti e alla chiusura dello stabilimento di Collerosso.

I lavoratori di Birra del Borgo sono stati raggiunti da una videoconferenza, resasi necessaria a causa delle restrizioni che impongono di non creare assembramenti, e così è stata notificata una situazione già presagita a causa proprio delle difficoltà degli ultimi due anni, durante i quali le grandi expertise, l’impegno dei dipendenti e la resilienza mostrata in ogni ambito di questa realtà non sono bastate. Un duro colpo per un marchio nato nel 2005 nell’ambito della birra artigianale.

17 anni fa, Leonardo di Vincenzo fondava a Borgorose, comune di 4mila abitanti in provincia di Rieti, il birrificio artigianale Birra del Borgo, una realtà radicata nel territorio.

Nel birrificio di Collerosso hanno visto la luce le prime birre che hanno avuto il merito di far conoscere Birra del Borgo in tutto il mondo: la ReAle, la DucAle, la Duchessa.

Una realtà artigianale, che ha saputo valorizzare il territorio, gli ingredienti locali e anche la manodopera locale. La Duchessa, ad esempio, è prodotta utilizzando il farro coltivato sui Monti della Duchessa.

Ma tutto questo non è bastato per resistere a un periodo senza precedenti, e perfino una multinazionale forte come Ab InBev è caduta sotto i durissimi colpi del Covid, dell’aumento dei prezzi delle materie prime, del crollo dei consumi, inciampando in un fuori casa che, nonostante tutto, stenta ancora a riprendersi da una crisi dalla quale non siamo ancora usciti.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍