Dopo due anni torna Taste of Roma

Pizza Village: numeri record per l’edizione del decennale

Martini sponsor di due importanti eventi musicali a Milano

Gli chef Claudio Sadler e Gennaro Balice protagonisti della terza tappa del Charing Golf Tour 2022

Bun prosegue la sua crescita con nuove aperture a Torino e Milano

Bun accelera sul retail: i due nuovi negozi a Torino e a Milano e un food truck portano a 8 le vetrine del brand

Ristorazione Redazione 5 - 24 Marzo 2022

      Ascolta la notizia in formato audio

Un format indovinato e vincente in cui l’attenzione per il  prodotto va di pari passo con il rispetto di quei valori di sostenibilità, di inclusione e di kindness che oggi fanno la vera differenza. Il tutto immerso in un ambiente all’avanguardia dove la tecnologia e il design sublimano la food experience rendendola un unicum nel panorama della ristorazione italiana. È BUN, il brand di fast food che prosegue nella sua crescita affidando a locali (e a mezzi) fortemente identitari la sua filosofia a tutto tondo in cui il gusto si accompagna  a un vero e proprio lifestyle.

Via Spallanzani a Milano e Torino al centro commerciale Lingotto sono le ultime due aperture del brand di cui Danilo Gasparrini è amministratore  delegato e che fa capo al Gruppo Gesa, società italiana specializzata in  ristorazione guidata da Vincenzo Ferrieri. Un anticipo di quello che avverrà nel corso dell’anno in cui si prevede di arrivare a un totale di 18 punti vendita di  BUN in Italia e a cui si aggiunge anche l’innovativo food truck, inaugurato nei  giorni scorsi a Milano, pensato per rendere l’esperienza itinerante e soprattutto  presente in quelle località ancora non servite dai negozi fisici.

Un progetto che parte, ma non si esaurisce, dal menu, in cui al classico hamburger newyorkese cucinato con tecnica smash si unisce la versione speculare vegetale e 100% proteica, il beyond meat, e prosegue nella filosofia caratteristica di BUN all’insegna del rispetto. Del pianeta, in primis, con un approccio totalmente plastic free e un’evoluzione verso una supply chain carbon neutral, per arrivare alle persone che compongono il mondo di Bun. Dei clienti, naturalmente, sui quali si esprime alla perfezione la kindess del brand, tradotta in gentilezza, in soddisfazione di ogni esigenza alimentare, nella condivisione di  spazi in cui l’inclusività è la parola d’ordine. E del personale interno, coinvolto  attivamente nella crescita dell’azienda, di cui fanno ugualmente parte persone  provenienti da categorie svantaggiate e da accordi con associazioni che si  occupano di risocializzazione.

Tutto questo senza dimenticare l’anima digitale di BUN e il suo coté squisitamente di design, amplificato dai suoi locali scenografici e instagrammabili firmati dallo studio spagnolo (e pluripremiato) Masquespacio. Una  collaborazione vincente che, fin dagli esordi, ha dato vita ad ambienti tutti diversi  tra di loro ma tutti ugualmente capaci di mantenere forte la loro identità e quella  del brand. A cominciare dal rispetto – sempre quello – delle caratteristiche architettoniche degli spazi scelti che, nel caso del ristorante di Spallanzani, ha visto nei giochi di archi e nell’esaltazione dei soffitti alti un atout vincente, sublimato da sedute che godono di affaccio verso l’esterno per creare continuità  e con un corollario cromatico che ha fatto del verde e del giallo le sue tinte  predilette. La firma di Masquespacio, poi, è intervenuta sugli ambienti tipici del centro commerciale il Lingotto in cui è inserito il ristorante di Torino esasperando nel concept il motivo del cerchio e donandogli un effetto 3D capace di catturare  i click. Il tutto in una palette cromatica che, accanto al verde identitario, vede  protagonista il rosa tenue. Rosa che è anche il colore protagonista del food truck che BUN ha lanciato a Milano per enfatizzare l’originaria anima street della sua offerta che, naturalmente, conserva invariate le caratteristiche del cibo proposto nei suoi ristoranti. Il van, che al momento staziona a City Life e che nel corso  dei mesi si sposterà in altri luoghi della città, è solo il primo mezzo di un progetto  pilota che si propone di “bunnizzare” golosamente il territorio italiano.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 5

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍