Tilby racconta la digitalizzazione del settore Horeca a EuroCIS 2022

Al via il Festival Nazionale della Dieta Mediterranea

Al via lo street food nel cuore del quartiere Ardeatino a Roma

Enoteca La Torre a Villa Laetitia è la migliore cantina di ristorante in Italia

Caffè. Il metodo CSC per garantire alti standard di qualità certificata

Torrefattori, baristi, consumatori finali: per tutti CSC offre un metodo consolidato per garantire caffè di qualità certificata.

Associazioni Caffè Prodotti Redazione 2 - 3 Settembre 2021

CSC – Caffè Speciali Certificati nasce 25 anni fa, nel 1996 fa con l’obiettivo di promuovere la qualità e la cultura del caffè di pregio, facendo fronte comune nella realizzazione di caffè di qualità superiore certificata. “Da allora sono cambiate molte cose nel settore del caffè, a cominciare dal movimento specialty che in Europa ha preso il via nel 1998 per proseguire con quella che, soprattutto in Italia, è stata una lentissima ma costante presa di coscienza da parte del barista e del consumatore finale di un mondo di caffè di qualità – osserva Enrico Meschini, tra i fondatori e presidente dell’Associazione fino allo scorso gennaio, quando ha passato la guida a Paola Goppion -. Posso dire con orgoglio che per noi non ci sono stati cambiamenti: siamo nati moderni e piano piano gli operatori del settore ci hanno seguiti, ovviamente parlo di chi ha voluto offrire caffè di piantagione con un’origine e una qualità certe. Pochi, tuttavia, hanno saputo instaurare quel rapporto duraturo e costruttivo con chi coltiva che per noi è garanzia di miglioramento costante della qualità del caffè prodotto anno dopo anno“. 

La forza della tracciabilità totale

Nel rapporto umano c’è infatti una delle chiavi vincenti di CSC: i responsabili delle diverse aree di provenienza del caffè conoscono personalmente i produttori selezionati in India come in Brasile, in Colombia come in Perù, con riferimenti in buona parte dei Paesi produttori. “Questo rapporto continuo è una certezza per chi produce, che riceve per il suo caffè un prezzo stabile e superiore a quello di mercato, che lo mette al riparo dalle sue fluttuazioni – riprende Meschini -. Ed è una certezza per chi, come noi, ricerca un prodotto di qualità costante, che riusciamo a ottenere anche grazie al dialogo e al confronto continuo con chi produce. Molti torrefattori offrono le ‘singole origini‘, ma pensiamoci bene: cosa significa un’origine Brasile o India? Sono Paesi immensi con caffè dalle caratteristiche spesso molto diverse tra le loro aree di produzione. La nostra Associazione seleziona e offre caffè di piantagione, con un’origine certa, la definizione delle varietà, del terroir, della lavorazione effettuata sul crudo. La tracciabilità dei nostri caffè è totale e la qualità verificata con numerosi assaggi. Abbiamo uno standard per ogni provenienza, con riferimenti più alti per caratteristiche organolettiche e più bassi per numero di difetti rispetto allo standard qualitativo di ogni Paese“.

Puntare sulla qualità con CSC

Penso che per molte torrefazioni sia giunto il momento di realizzare un vero salto qualitativo, andando oltre il bluff della singola origine – afferma Enrico Meschini -. Il lockdown ha portato una maggiore consapevolezza nel consumatore finale, che ha passato tanto tempo davanti al computer, si è incuriosito seguendo i numerosi incontri e webinar sul caffè e oggi è pronto a ricevere qualcosa di più dall’operatore al banco bar. Invito chi si domanda come rispondere a queste nuove esigenze a rivolgersi agli associati di CSC: tutti sono a disposizione dei torrefattori e dei baristi che vogliono fare un salto qualitativo, offrendo gli strumenti per dare nuova vitalità (ed eccellenza certificata) alla propria impresa“.

CSC non acquista i caffè, ma effettua i controlli necessari per garantire la loro qualità, mettendola a disposizione degli associati. Quando questi acquistano una partita di caffè certificabili, gli assaggiatori dell’Associazione la confrontano con il campione testato in precedenza: se le sue caratteristiche sono in linea con il prodotto di riferimento, il torrefattore associato ha diritto a una serie di bollini CSC olografici e numerati: un vero marchio di qualità. 

Le torrefazioni che aderiscono a CSC sono  Barbera 1870 – Messina; Blaser Café Berna (CH); Caffè Agust – BresciaMondicaffè C.T.&M. Roma; DiniCaffè – FirenzeGoppion Caffè – Preganziol (TV); Le Piantagioni del Caffè – Livorno.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
     


    Print Friendly, PDF & Email
    Condividi su:
    Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

      Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
      Autore articolo:
      Redazione 2

      Altri articoli:

      Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

      All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
      🔍