Torna il Premio Grandenapoli.it 2021, per decretare i migliori nell’ambito F&B partenopeo

Gelato Day: svelata la ricetta ufficiale del Gusto dell’Anno

Ferrarelle protagonista del 34° Premio Marketing

Ripartono le attività dell’Associazione Le Donne della Birra

Cavit presenta due etichette novità nate da antichi vitigni trentini

Dalla riscoperta di due antichi vitigni trentini, Nosiola e Schiava gentile, nascono due etichette novità, già presentate da Cavit in occasione di Vinitaly 2019. “Conzal” e “Valdelac”, i due protagonisti della prossima stagione, vanno ad arricchire l’ampia gamma fine wine di Cavit per il canale della ristorazione e delle enoteche, con proposte fresche e moderne […]

Vino & Spumante Redazione 2 - 27 Maggio 2019

CAVIT - Conzal - Valdelac

Dalla riscoperta di due antichi vitigni trentini, Nosiola e Schiava gentile, nascono due etichette novità, già presentate da Cavit in occasione di Vinitaly 2019.

Conzal” e “Valdelac”, i due protagonisti della prossima stagione, vanno ad arricchire l’ampia gamma fine wine di Cavit per il canale della ristorazione e delle enoteche, con proposte fresche e moderne in linea con le nuove tendenze di consumo che prediligono vini di qualità.

Conzal, Nosiola Trentino Doc 2018

Un bianco dalla delicata struttura che prende il nome dal trentino conzàl, piccolo recipiente in legno a cono utilizzato un tempo dai viticoltori locali per trasportare a spalla l’uva durante la vendemmia nelle zone di altura. Un nome evocativo scelto per sottolineare la limitata quantità in cui oggi vengono prodotte le pregiate uve di Nosiola, vitigno autoctono presente in Trentino sin dal 1500.

I vigneti di provenienza del Conzal sono situati in collina, a circa 350 m s.l.m. nella zona di coltivazione più rinomata per la Nosiola: i Monti di Calavino, una dorsale scolpita dal ghiacciaio con suoli profondi, calcarei, marnosi e ben drenati e un clima sempre ventilato che favorisce una maturazione ottimale dei grappoli.
Solo qui, grazie alla conformazione di queste zone particolarmente vocate a questa tipologia di vitigno, si riesce ad ottenere un vino fresco. Di straordinaria delicatezza all’olfatto e di notevole piacevolezza e armonia al palato.

Sapido, gradevole ed elegante, il nuovo Conzal è ottenuto dalla vinificazione in purezza di sole uve Nosiola. L’impronta di fiori bianchi e frutti, che ricordano l’albicocca e la mela verde, lo rendono particolarmente indicato per accompagnare primi leggeri, insalate e salumi non affumicati. Molto consigliato anche con piatti a base di pesce.

La sua freschezza e autenticità si percepiscono anche attraverso la raffinata etichetta: uno sfondo chiaro impreziosito da disegni che raffigurano le nocciole selvatiche alle quali rimanda l’etimologia del nome Nosiola.

Valdec, Schiava Rosé Trentino Doc 2018

Valdelac è una rivisitazione di un grande classico della tradizione trentina: la Schiava gentile, uno dei vitigni più antichi della regione le cui origini risalgono al 1200. Il termine Schiava veniva infatti utilizzato già nei documenti medioevali di viticoltura per indicare le viti “costrette”, ovvero quelle allevate a filare o a pergola.

Il nuovo Valdelac Schiava Rosé Trentino Doc 2018 rappresenta la nobilitazione di questo storico vino in chiave moderna, versione rosé: una tonalità delicata, ma al contempo viva e brillante, ottenuta grazie alla breve macerazione a freddo del mosto con le bucce.

Valdelac nasce da una selezione di vigneti situati tra i 300 e i 500 m s.l.m. intorno a Riva del Garda, sui pendii delle colline dai suoli calcarei, ghiaiosi e di origine glaciale che circondano il lago.

Il risultato è un rosé dal profumo fragrante, delicato e armonico al palato, con note floreali e di frutti rossi – come la ciliegia e la fragolina di bosco – e caratterizzato da una buona persistenza e sapidità.
Un rosato perfetto da gustare ‘giovane’ e a tutto pasto. Estremamente versatile, è ideale per accompagnare primi a base di pasta, secondi leggeri e formaggi non stagionati.

Fresco nel gusto e nell’immagine: la ricercata etichetta, declinata nel caratteristico rosa del vino, rappresenta l’essenza di Valdelac, il cui nome è un omaggio al territorio d’origine e alla sua rigogliosa natura.

 

Cavit
Nome di punta del comparto vitivinicolo italiano, Cavit è una realtà esemplare di consorzio di secondo grado.
Situata nel cuore del Trentino, a Ravina di Trento, Cavit riunisce dieci cantine sociali, collegate ad oltre 4.500 viticoltori distribuiti su tutto il territorio, dalle quali riceve e seleziona le materie prime prodotte, controllando ogni fase – dalla raccolta, fino alla commercializzazione. Con una produzione che rappresenta oltre il 60% di tutto il vino del Trentino, Cavit è un esempio unico in Italia di know-how delle più avanzate tecniche di viticoltura e di ricerca enologica d’avanguardia.
Cavit firma un’ampia gamma di vini e spumanti ai quali assicura uno sviluppo commerciale e promozionale nei canali della grande distribuzione e del settore horeca in tutto il mondo.
Con un fatturato di oltre 190 milioni di euro, Cavit si posiziona tra i principali protagonisti del settore in Italia ed eccelle sui mercati internazionali con una quota export che sfiora l’80% dell’intera produzione. Negli Stati Uniti, in particolare, Cavit è il marchio di vino italiano più diffuso.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 5/5 (1)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍