Torna il Premio Grandenapoli.it 2021, per decretare i migliori nell’ambito F&B partenopeo

Gelato Day: svelata la ricetta ufficiale del Gusto dell’Anno

Ferrarelle protagonista del 34° Premio Marketing

Ripartono le attività dell’Associazione Le Donne della Birra

Ceo Colines contro demonizzazione plastica: il problema è la cattiva gestione

La plastica messa alla gogna ingiustamente. È quanto denuncia Eraldo Peccetti, socio e Ceo di Colines, azienda novarese tra i primi cinque player al mondo nel comparto dei macchinari per l’estrusione delle materie plastiche. “Ci sono argomenti che bucano lo schermo – spiega Peccetti all’Agi – catturano l’attenzione di tutti. Oggi la plastica è diventata […]

Attualità Redazione 4 - 26 Febbraio 2019

Colines - estrusione plastica

La plastica messa alla gogna ingiustamente. È quanto denuncia Eraldo Peccetti, socio e Ceo di Colines, azienda novarese tra i primi cinque player al mondo nel comparto dei macchinari per l’estrusione delle materie plastiche.

Ci sono argomenti che bucano lo schermo – spiega Peccetti all’Agi – catturano l’attenzione di tutti. Oggi la plastica è diventata il male assoluto: se ne occupano giornalisti, attori, cantanti ma nessuno lo fa con competenza. Nessuno ha la capacità professionale per analizzare il problema e nessuno ha mai seguito un processo di produzione”.

Per il Ceo il problema è la cattiva gestione della plastica che non deve diventare un rifiuto.

Eliminarla dai processi produttivi non è una soluzione, spiega il manager. Il perché è presto detto: “Ad oggi non c’è un sostituto”.

Quindici anni fa la Novamont si fece avanti in Vibac per produrre film per imballaggio alimentare e per uso medicale ricavati dal mais. Lo stesso principio delle buste che si usano oggi al supermercato. Non ha funzionato e nessuno ha mai trovato una materia prima che possa sostituirla.

Ma la soluzione non è certo arrendersi a vivere in un mondo di plastica. Secondo Peccetti, semplicemente “bisogna imparare a usarla con giudizio”, iniziando dalla raccolta differenziata.

E usare la plastica per quelle che sono “le sue applicazioni indispensabili”. La plastica deve essere sempre riciclabile.

Un allarme arriva dall’India, dove i rifiuti sono un problema enorme, la legge prevede che le materie prime utilizzate nel packaging alimentare debbano essere compatibili tra di loro per poter essere riciclate: in Italia ciò ancora non avviene.

Peccetti invita, dunque, a un uso equilibrato della plastica, in alcuni casi è insostituibile, mentre in altri è assolutamente inutile e dannosa.

Il sacchetto per fare la spesa, ad esempio: “non deve essere di plastica o almeno deve essere multiuso”. O i bicchieri e i piatti di plastica: “usiamo quelli di ceramica e vetro”. Si potrebbe “fare a meno anche delle bottiglie anche se è innegabile che quelle in polipropilene sono migliori perché più leggere da trasportare e non si infrangono”.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 4

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍