A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

Consorzio Chianti investirà 1,5 milioni di euro in promozione

Il Consorzio Vino Chianti è pronto a investire 1,5 milioni di euro nella promozione della denominazione. Sono stati infatti assegnati dalla Regione i fondi per la promozione del vino toscano nel mondo, grazie alle risorse comunitarie della Ocm Vino per il 2019-20. La Regione Toscana ha stanziato più di 11 milioni di euro per finanziare […]

Vino & Spumante Redazione 4 - 29 Ottobre 2019

chianti

Il Consorzio Vino Chianti è pronto a investire 1,5 milioni di euro nella promozione della denominazione.

Sono stati infatti assegnati dalla Regione i fondi per la promozione del vino toscano nel mondo, grazie alle risorse comunitarie della Ocm Vino per il 2019-20. La Regione Toscana ha stanziato più di 11 milioni di euro per finanziare progetti mirati ad aumentare la competitività attraverso azioni di promozione e di pubblicità che evidenzino soprattutto gli elevati standard del prodotto in termini di qualità, ma anche di sicurezza alimentare e salvaguardia dell’ambiente.

Il Consorzio Vino Chianti ha già programmato la sua attività di promozione estera per il 2020, e orientandosi in particolare verso Cina e Giappone dove si prevede ci siano le miglior performance di sviluppo ma anche verso la Federazione Russa e l’area del sud est asiatico. Poi in Sud America, come in Brasile e Messico.

chiantiSuperata la crisi del 2010, il valore del brand toscano è cresciuto, affermandosi come prima regione italiana nell’esportazione all’estero. Le esportazioni dei vini rossi della Toscana sono aumentate soprattutto nei Paesi fuori dall’Unione Europea.

Secondo la ricerca di Wine Monitor Nomisma per Consorzio Vino Chianti presentata nel giugno scorso a Roma, la Toscana ha superato le esportazioni di Veneto e Piemonte. Crescita del +17% con gli Stati Uniti, + 47% in Svizzera e ottimi risultati anche in Giappone e Cina. Il Chianti ha superato la crisi di prezzo e di produzione del 2010 e del 2011. È stato rinnovato il 70% del vigneto e sono stati rimossi gli impianti obsoleti: questo porterà ad un aumento della produzione, oggi attestata a circa 100 milioni di bottiglie.

Serve ora costruire un programma di promozione e valorizzazione lungimirante e strategico. Negli ultimi nove anni il mondo del vino in Cina è cambiato molto: le differenze tra i diversi vini vengono ora apprezzate, così come la produzioni più leggera e questo genera tante possibilità in più per l’espansione del brand Chianti.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 5/5 (1)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 4

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍