A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

Dal Festival del Giornalismo due interventi sulla presenza del cibo nei media italiani

Nel corso del 2019, stampa, web, tv e radio italiani si sono occupati 1.373.312 volte dello stesso argomento: il cibo. È quanto emerge dal primo Rapporto sull’informazione alimentare nei media italiani, presentato durante la V edizione del Festival del Giornalismo Alimentare, al Centro Congressi Lingotto di Torino, e commentato da Alessandro Cederle, Direttore di L’Eco della Stampa […]

Interviste video Redazione 2 - 28 Febbraio 2020

Festival del Giornalismo - cibo nei media italiani

Nel corso del 2019, stampa, web, tv e radio italiani si sono occupati 1.373.312 volte dello stesso argomento: il cibo. È quanto emerge dal primo Rapporto sull’informazione alimentare nei media italiani, presentato durante la V edizione del Festival del Giornalismo Alimentare, al Centro Congressi Lingotto di Torino, e commentato da Alessandro Cederle, Direttore di L’Eco della Stampa e da Guia Beatrice Pirotti, Associate Professor of Practice di Strategia e Imprenditorialità SDA Bocconi.

Il Report è stato realizzato da L’Eco della Stampa, storica società italiana, dal 1901 leader in media intelligence e rassegna stampa, analizzando 350.000 fonti e 1 milione di contenuti al giorno. Obiettivo: misurare l’impatto dei temi alimentari sui media, intercettare i temi più discussi e analizzare le modalità di informazione.

Alessandro Cederle, Direttore di L’Eco della Stampa, racconta a viva voce l’indagine: di cibo si parla tantissimo, con una stagionalità fortissima. Si parla di cibo soprattutto in autunno e primavera, meno in estate e inverno. Forte il legame del food con la salute, ma si parla poco di diete vegetariane e vegane. Non manca mai fra gli argomenti topici la dieta mediterranea.

Clicca sull’immagine per seguire l’intervento di Alessandro Cederle, Direttore di L’Eco della Stampa

Guia Beatrice Pirotti, Associate Professor of Practice di Strategia e Imprenditorialità SDA Bocconi, ha commentato i dati rilevato dallo studio, riflettendo sul bisogno degli italiani di vivere il cibo a 360° e in ogni momento della propria vita, non relegandola a mera azione necessaria, ma andando oltre, trasformando il food in esperienza di cui essere protagonista.

Il consumatore vuole essere parte attiva del processo di creazione del cibo e lo fa soprattutto attraverso il web, canale che permette più di tutti uno scambio di idee fra consumatori e aziende.

Ciò che colpisce è la voglia del consumatore di essere sempre più informato anche in maniera tecnica, ma soprattutto andando a ricercare l’autenticità, le denominazioni e il made in Italy. Un concetto, quest’ultimo, che è in grado di trasferire attraverso il cibo un ideale l’appartenenza e, nello specifico, l’appartenenza comune a un’identità.

Clicca sull’immagine per seguire l’intervento di Guia Beatrice Pirotti – Associate Professor of Practice di Strategia e Imprenditorialità SDA Bocconi


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 5/5 (4)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍