Canelli Città del Vino trasforma la città in un’enoteca a cielo aperto

Da Napoli a Trieste: le macchine La San Marco protagoniste ancora una volta del Leva Contest

Allo Sky Bar Adèle una serata speciale per celebrare la Festa del Cinema di Roma

Il Marelet è il Bar dell’Anno per la guida Bar d’Italia 2023 di Gambero Rosso

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



“Dal Milanese”: la nuova trattoria e cocktail bar di Luca Guelfi Group

Nuova apertura a Milano per il Gruppo Luca Guelfi che omaggia la tradizione del capoluogo lombardo con la nuova insegna "Dal Milanese"

Ho.Re.Ca. Ristorazione Redazione - 21 Aprile 2021

"Dal Milanese": la nuova trattoria e cocktail bar di Luca Guelfi Group

“DAL MILANESE” è un angolo all’insegna della tradizione milanese ma dal tocco mondano la cui apertura è prevista per il prossimo 26 aprile in Viale Premuda, 16 a Milano, non lontano dagli storici locali del Gruppo di Luca Guelfi situati in Via Archimede, come SHIMOKITA, CANTEEN, OYSTER BAR.
Dopo l’innovativo concept americano della Ghost Kitchen inaugurato ad aprile 2020 con “VIA ARCHIMEDE, Gastronomia di Quartiere” e l’apertura del ristorante “RAFAEL”, situato in Sardegna a Porto Rafael, Luca Guelfi omaggia in maniera eccezionale la rinascita della città di Milano, dopo più di un anno di pandemia.

Con il nuovo ristorante DAL MILANESE” viene reinventata l’idea di trattoria: un luogo informale con una cucina tradizionale dalle origini casalinghe che incontra una curatissima ambientazione internazionale.
Neon e insegne storiche, foto originali, quadri, stampe di pubblicità, lampade di Venini e ancora, mattoni a vista, solai in legno dei primi del ‘900, pavimento in parquet a spina di pesce sono solo alcuni degli elementi, sia di design e arredamento sia di restauro architettonico, che, come sempre nelle sue creazioni, riescono a dare un tocco di estro e originalità mantenendo la tipica personalità che contraddistingue i locali firmati Luca Guelfi.

L’idea da cui l’imprenditore è ripartito ha però anche un forte richiamo alla “Milano da bere” degli anni ‘80: ulteriore conferma della storicità del capoluogo lombardo che, oggi come ai tempi, si è sempre contraddistinto per la sua capacità di cavalcare i tempi mostrandosi al mondo come una città moderna e all’avanguardia.
“Prima di questa terribile pandemia Milano era ormai confermata come una delle capitali avanguardiste del mondo. L’inizio del 2020 stava dando segnali entusiasmanti, grazie ai grandi investimenti internazionali, hotel e ristoranti sempre fully booked. Fiere, eventi, moda, design: tutto girava intorno a Milano. Con l’arrivo del Covid-19 la città, e il mondo, si sono fermati e tutti i progetti sono stati cancellati. È stato un anno terribile, soprattutto per la ristorazione”, afferma Luca Guelfi. “L’idea di aprire un ristorante dedicato alla mia città ha lo scopo di celebrarla e contribuire a farla tornare come l’avevamo lasciata”.

In un palazzo del 1920, in zona Tricolore a Milano, sono disposti un totale di 90 coperti, 50 interni e 40 esterni, incorniciati da atmosfera, luci e cocktail bar che accompagnano il cliente in un viaggio gustoso cullato da una colonna sonora riprodotta da un giradischi per cui l’ospite stesso sceglie i grandi classici della musica italiana: da Battisti a Mina passando per Iannacci, Vanoni, Vecchioni e molti altri.

L’Executive Chef Emanuele Gasperini, già alla guida di Saigon a Milano e Big Sur in Costa Smeralda, propone un menù che cambia tutti i mesi, in base alla stagionalità, ma mantiene sempre i piatti tipici e imprescindibili della tradizione culinaria milanese; anche la scelta degli ingredienti avviene tra produttori selezionati dell’eccellenza lombarda.

Da Sx Sous chef GIUSEPPE RAIA, Executive Chef EMANUELE GASPERINI, Chef NICOLA FIORELLO

Mondeghini con Salsa Tartara dello Chef, Fiori di Zucca con ripieno al Taleggio, Cotechino con Lenticchie, Riso al Salto, Risotto Carnaroli con Luganega e Raspadura Lodigiana, Ossobuco alla Milanese con Purea di Patate, Galletto Vallespluga al Mattone con Chips di Patate, Cotoletta di Vitello alla Milanese, sono alcune delle proposte sempreverdi del “DAL MILANESE”.

La sezione “I Piatti della Milano da Bere” propone poi alcuni grandi classici della cucina anni ’80, come i Cocktail di Gamberi in Salsa Rosa, Farfalle al Salmone Affumicato, Filetto di Manzo al Pepe Verde con Patatine Fritte Fatte in Casa: un’accurata selezione che ricorda con piacevole nostalgia gli anni d’oro della città meneghina.
Ad accompagnare i piatti della nuova trattoria, 80 vini scelti tra solo etichette italiane e 24 bollicine rigorosamente lombarde.

“Nella mia carriera ho aperto in media un locale all’anno, dal 1994 al 2020: 27 anni, 25 ristoranti”, afferma Luca Guelfi. “Ho fiducia nel post Covid-19 e sono totalmente sicuro che, finito tutto, i ristoranti verranno presi d’assalto, con un 2021 che diventerà proprio il mio anno record: in un solo anno 3 nuove aperture. Oltre al “DAL MILANESE”, infatti, ho puntato ancora una volta sulla Sardegna con due novità previste per maggio: la “LOCANDA SURRAU”, situata nella campagna gallurese tra Arzachena e Palau dove, tra le favolose vigne sarde, la brace regna sovrana, e “CALA PORTESE”, un nuovo beach club situato sull’isola di Caprera”.

La cucina “DAL MILANESE” sarà sempre aperta dalle ore 12 a mezzanotte con orario continuato, sette giorni su sette. Il cocktail bar, invece, aperto dalle 17 in poi, proporrà drink classici ancora una volta tipici degli anni ‘80.

Una volta avviato il primo locale, le aspettative dell’imprenditore milanese saranno quelle di replicare il format negli Stati Uniti, dove Milano è percepita come sinonimo di eleganza e qualità, con una prima apertura a Los Angeles, nei primi mesi del 2022, nell’esclusiva zona di Los Feliz.

Luca Guelfi è un imprenditore le cui esperienze internazionali tra Stati Uniti, Centro America e Spagna hanno permesso di accrescere e affinare il suo know-how in locali di ristorazione e intrattenimento. I viaggi e la sua visione aperta e internazionale sono infatti elementi fondamentali nella realizzazione di locali e ristoranti di grande impatto, sia dal punto di vista estetico e di design che del concept, ma soprattutto con cucine esclusive e di alto livello che riprendono i sapori di quei luoghi sparsi nel mondo, visitati e assaporati. La sua lunga e consolidata esperienza incomincia nel ’94 con l’apertura del Julien cafè a Milano, per poi continuare con il lancio di diversi ristoranti e club reinventando sempre un nuovo concept di locale in tutto il mondo.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.


    Print Friendly, PDF & Email
    Condividi su:
    Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

      Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
      Autore articolo:
      Redazione

      Altri articoli:

      Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

      All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
      🔍