A Beer&Food Attraction la XVIII edizione di Birra dell’Anno

Biologico: AssoBio torna alla Festa del Bio

Massimo Bottura & Friends cucinano per l’Antoniano: una cena a sostegno dei più fragili

Numeri da record per la diciottesima edizione di Anteprima VitignoItalia

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



Dalla Milano Wine Week, Federvini fa il punto su presente e futuro del comparto vino

A Milano ha fatto il suo debutto “Wine Agenda”, il primo appuntamento per lo sviluppo di un nuovo modello di business a sostegno del comparto vinicolo.

Redazione 2 - Pubblicato il 12 Ottobre 2022 alle ore 15:55

Alla 5° edizione di Milano Wine Week ha debuttato “Wine Agenda”, appuntamento voluto da Federvini e Milano Wine Week per analizzare il presente e il futuro del comparto, individuandone le priorità in chiave di tutela e di sviluppo.

Da un lato, l’associazione si è concentrata sulle richieste del settore al Parlamento in via di insediamento e al governo di prossima costituzione. Richieste di carattere emergenziale, frutto di una situazione andatasi aggravandosi negli ultimi mesi e che oggi rischia seriamente di mettere in ginocchio uno dei comparti di maggior valore identitario e tra i più rilevanti dell’intera produzione agroalimentare del Paese.

Dall’altro, questa è stata l’occasione per analizzare i dati di settore presenti all’interno del rapporto Mediobanca e quelli dell’Osservatorio Federvini.

Il rapporto Mediobanca

L’indagine realizzata dall’Area Studi Mediobanca evidenzia il gap che le imprese vitivinicole italiane registrano rispetto a produttori esteri, in particolare francesi, sotto il profilo dei valori unitari. Un export, quello del vino italiano, definito da Mediobanca “concentrato, di prossimità ma ancora povero”, in particolare sotto il profilo del prezzo medio: 32,2 USD per la Francia contro 25,3 USD per l’Italia. Un dato in parte compensato dal confronto sui volumi di esportazione, che vede l’Italia prevalere ampiamente nel confronto con la Francia, e sul trend di crescita del valore complessivo delle esportazioni negli ultimi 10 anni: + 39,4 % per l’Italia, + 29,5% per la Francia.

Il punto dell’Osservatorio Federvini

Secondo quanto evidenziato dai dati dell’Osservatorio di Federvini, in collaborazione con Nomisma e TradeLab, l’aumento dei costi dell’energia e delle materie prime per il packaging, come la carta per le etichette (+36%), le capsule e soprattutto il vetro (+47%), stanno mettendo a dura prova la produzione delle imprese del comparto, e conseguentemente la loro crescita. e aziende hanno subito l’impennata dei costi di produzione e trasporti, con l’energia, in particolare, che ha segnato rincari tra il 150 e il 200%.  Tutto questo in un quadro inflattivo che vede l’85% degli italiani adottare, o pronti ad adottare, strategie di risparmio per contrastare la diminuzione del potere di acquisto. 

Secondo Nomisma, nei primi 6 mesi del 2022 il mercato del vino in Italia ha registrato una contrazione delle vendite in GDO in valore e volume a fronte però di una forte ripresa dei consumi nel canale Horeca. Contestualmente l’export ha proseguito la sua corsa, con ottime performance in valore (+14% nel primo semestre dell’anno rispetto) ma una stazionarietà in volume. La crescita del nostro export vitivinicolo in valore è però legata all’inflazione e all’apprezzamento del dollaro rispetto all’euro.

Mercato dei consumi fuori casa

Per quanto riguarda il mercato dei consumi fuori casa, secondo i dati di TradeLab, gli effetti della pandemia sono ancora visibili: nonostante siano terminate le restrizioni rispetto all’inizio della crisi. Il 2021 ha fatto registrare 65 mld di euro di consumi fuori casa legati ai servizi food & beverage contro gli 85 mld del 2019 (-23% rispetto ai livelli pre-pandemici).

La posizione di Federvini

L’appello che Federvini lancia al nuovo Governo si articola nella richiesta di una serie di interventi, che guardino alle emergenze del presente e alle sfide futuro, in particolare tesi a:

  • Promuovere interventi di defiscalizzazione per incentivare crescita dimensionale e internazionalizzazione.
  • Dare vita a un piano di comunicazione per il vino italiano all’estero riconoscendone i valori economici, occupazionali e identitari.ùContrastare l’irrazionale demonizzazione delle bevande alcoliche da parte di organismi sovranazionali.
  • Attenuare i costi di approvvigionamento energetico.

La leva fiscale potrà avere un ruolo determinante nel favorire le aggregazioni per creare gruppi di dimensione europea, oltre che nuove realtà commerciali rivolte all’internazionalizzazione, e per favorire lo sbarco di queste nuove realtà sul mercato dei capitali così da rafforzarne i livelli di capitalizzazione. Occorre intervenire per ridurre la frammentazione che caratterizza il comparto e che, anche per la mancanza di una regia e di una visione comune, lascia troppi singoli produttori senza la possibilità di aggredire i mercati esteri in modo coordinato ed efficace.

Il futuro del vino italiano: Sostenibilità, Qualità e Territorio

Dai lavori è emerso che nei prossimi 2/3 anni i vini italiani che cresceranno saranno in prevalenza quelli dei vitigni biologici e sostenibili, nei confronti dei quali i mercati esteri esprimono un interesse crescente, anche relativamente al packaging ecosostenibile e alle colture biodinamiche. Ricercati all’estero anche i vini di vitigni autoctoni e di specifici territori italiani e, a sorpresa, anche quelli low alcohol stanno diventando sempre più di tendenza.  Destinato a crescere di importanza anche il canale e-commerce, sempre più utilizzato, soprattutto in UK, Usa e Francia, e con ampi margini di crescita, soprattutto per Italia e Germania, paesi finora poco ricettivi a questa modalità di acquisto.

All’evento sono intervenuti Vittorio Cino, Direttore generale Federvini, Federico Gordini, Presidente di Milano Wine Week, Emanuele di Faustino, Senior Project Manager Nomisma, Raffaele Boscaini, Marketing director & Technical group coordinator, Umberto Pasqua, Presidente Pasqua vigneti e cantine, Gabriele Barbaresco, Direttore Area Studi Mediobanca, con Oriana RomeoBeniamino Garofalo, Amministratore delegato Santa Margherita gruppo vinicolo, Giancarlo Moretti Polegato, Presidente Villa Sandi, Ettore Nicoletto, President & CEO Angelini wines & estates, Luca De Carlo, Senatore e responsabile Agricoltura di Fdi, Raffaele Nevi, Deputato e responsabile Agricoltura di Fi, Gian Marco Centinaio, Senatore e responsabile Agricoltura della Lega.

 

Federvini è l’organizzazione italiana di riferimento dei principali produttori e importatori di vini, liquori, acquaviti e aceti, nata nel 1917 e aderente a Federalimentare e Confindustria. Scopi della Federazione sono la rappresentanza degli interessi del settore nelle sedi nazionali e internazionali e la promozione dei valori che il settore esprime nella qualità della produzione, nella sostenibilità, nei rapporti con i territori, nella cultura della socialità e della convivialità, nell’educazione al consumo consapevole.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍