Warsteiner Italia inaugura la piattaforma Warsteiner Lovers

Dolomia è la prima acqua minerale col marchio IoSonoFvg

Conferme importanti e new entry per l’edizione 2022 di Beer&Food Attraction

Annunciate le vincitrici del concorso nazionale “Extra Cuoca – Il talento delle donne per l’olio extra vergine di oliva”

Digitalizzazione e sostenibilità: le keywords per il futuro dell’Italia

Digitalizzazione e sostenibilità. ma anche semplicità, omnicanalità, capacità di rinnovarsi e prontezza nel cogliere le opportunità del PNRR sono valori che stanno assumendo un ruolo sempre più rilevante per la Transizione 4.0

Eventi Partners Redazione 5 - 28 Ottobre 2021

Ha preso il via il Capitolo 2 di Forum Retail, l’evento di IKN Italy che rappresenta il più grande hub di networking tecnologico per la community del mondo del retail, che si conclude oggi con la Main Conference dal format ibrido (@NH Congress Center di Assago e Live Streaming).

La giornata di lavori, in formato full digital, ha affrontato gli argomenti più attuali che stanno condizionando il presente e che influiranno sul futuro del settore Retail partendo naturalmente dalle risorse economiche previste dal PNRR – Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, tema focus della sessione di apertura. Il Piano avrà, infatti, un impatto molto importate su particolari aree – il mondo delle costruzioni in primis – ma diverse risorse sono destinate anche al commercio al dettaglio e all’ingrosso che occupano, rispettivamente, il terzo e quarto posto nella classica dei settori che riceveranno benefici. La missione principale è la digitalizzazione del Paese – tema trasversale del Piano – ma anche la sostenibilità occupa un posto molto rilevante nella classifica degli obiettivi. L’Italia dovrà manifestare prontezza nel cogliere queste opportunità, le imprese dovranno reagire velocemente e adattarsi alle rigidità che ogni piano di politica economica ha: R&S e formazione diventano valori necessari per ogni azienda.

Per le industrie del settore retail il credito d’imposta rappresenta il principale strumento previsto dal Piano che potrà incentivare hardware altamente tecnologici come magazzini automatizzati, sistemi di guida automatica, macchine porzionatrici, catena del freddo alimentare, macchine per confezionamento e imballaggi, per citarne alcuni. In particolare, nel mondo GDO si potranno incentivare tecnologie come le etichette elettroniche, sistemi click&collect, sistemi cash management e altro ancora. Per quanto concerne la sostenibilità, gli incentivi previsti dal Piano riguardano il settore del food, del pakaging e i progetti di innovazione per la transizione ecologica.

L’omnicanalità e l’integrazione tra web e fisico sarà il futuro: la virtualità diventerà sempre più reale, i siti delle diverse aziende si stanno avvicinando all’obiettivo di far vivere un’esperienza al cliente che ora è alla ricerca di valori anche nei prodotti che acquista. Tra i primi, sta prendendo sempre più piede la sostenibilità: sono sempre di più le aziende che ritengono sia necessario incorporare questo concetto nelle loro strategie, nei loro modelli di business, ed educare il consumatore per accompagnarlo in scelte sostenibili.

La pandemia ha avuto un ruolo determinante nell’avvicinare il consumatore alla tecnologia, specialmente con gli acquisti online e con l’utilizzo di mezzi di pagamento digitali. Il settore Retail – già abbastanza digitalizzato pre pandemia –  ora lo è ancora di più: ha spostato il suo business sull’online, con alcune difficoltà all’inizio dovute prevalentemente a una mancanza di cultura digitale che contraddistingueva il nostro Paese, che sta uscendo da questo periodo più forte e più pronto ad affrontare sfide future. I prossimi anni saranno caratterizzati da una crescita degli invisible payments: invisibili, sicuri e veloci, con una maggiore semplificazione della user experience.

La giornata di lavori ha trattato anche il tema del rilancio della ristorazione, che sappiamo essere uno dei settori che ha subito le maggiori perdite ma che si sta ora riprendendo, consapevole della necessità di andare incontro alle esigenze del nuovo consumatore. Digitalizzazione e omnicanalità diventano i temi trainanti del settore: il delivery non può essere trascurato da nessun brand del food, anche perché rappresenta la principale piattaforma di marketing. La città di Milano gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo della ristorazione e nella sperimentazione di nuove idee e modelli del settore: se il format funziona nella capitale meneghina vale la pena esplorare altre città.

La sostenibilità è ora un altro elemento chiave per stare sul mercato, un asset su cui le aziende del settore devono investire sempre di più, anche per educare il cliente che si sta avvicinando a questo valore, ma non sempre è pronto a contribuire.

Recruiting efficiente, formazione del personale e capacità di motivarlo affinchè rimanga in azienda, sono i principali passi per cercare di sopperire alla situazione difficile che vive il settore.

Community OnRetail
OnRetail è la community di IKN Italy dedicata al settore: mette a disposizione dei professionisti del Retail contenuti e aggiornamenti continui con conferenze, formazione tecnica, articoli, interviste e video. Attraverso canali tradizionali, digital e social offre la possibilità di condividere conoscenze, esperienze aziendali, best practice e innovazioni grazie al contributo dell’Advisory Board e dei maggiori esperti del settore. OnRetail rappresenta lo strumento più adatto per costruire una fitta rete di relazioni e interazioni tra tutti i professionisti attraverso grandi eventi e appuntamenti in cui confrontarsi con partner, colleghi e protagonisti del settore.
 Company Profile
 IKN Italy è l’acronimo di:
“I” come INSTITUTE: IKN Italy nasce da Istituto Internazionale di Ricerca. Grazie all’esperienza maturata in più di 30 anni di attività, si posiziona all’interno di una rete internazionale in grado di proporre sia tematiche di grande attualità e interesse, sia relatori di alto livello. La reale fotografia di IKN la “scattano” i numeri di questi 30 anni: oltre 70.000 partecipanti, 20.000 aziende e 10.000 tra relatori e docenti; numeri che posizionano IKN leader indiscusso nel suo settore.
“K” come KNOWLEDGE: ricerca continua e ascolto del mercato garantiscono a IKN Italy lo sviluppo di una formazione e informazione uniche, esclusive e non “googlabili”, fruibili in modalità sia fisica sia online, per ispirare il cambiamento e promuovere l’innovazione nelle aziende.
I settori nei quali IKN è presente sono: Farmaceutico e Dispositivi Medici, Energy & Utilities, Sanità, Banca e Assicurazioni, Retail e GDO, Industrial, Logistica, Green & Sostenibilità, Marketing e Vendite, Project Management.
“N” come NETWORKING:  La rete di IKN Italy permette di organizzare eventi e iniziative formative che diventano occasioni di incontro per condividere  esperienze uniche e sviluppare nuove partnership. Le iniziative di IKN Italy generano relazioni ad alto valore aggiunto, attraverso incontri B2B qualificati.
L’Azienda è certificata UNI EN ISO 9001 : 2008 e qualificata per la presentazione di piani formativi finanziati da organi istituzionali e fondi interprofessionali.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 5

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
     
    🔍