Taste The Stars: S.Pellegrino celebra il talento dei giovani chef

Top Employers 2022: ecco alcune delle migliori aziende dove lavorare

Beer&Food Attraction, BBTech e IHM annunciano le nuove date 2022

Luigi Recchiuti di Opperbacco è il “Birraio dell’Anno 2021”

Elior ottiene la certificazione IDEM per la parità di genere

Elior ha ottenuto la certifcazione IDEM per la parità di genere, che riconosce l'impegno dell'aziende per l'empowerment femminile

Aziende Premi & Riconoscimenti Redazione - 30 Novembre 2021

Elior, leader della ristorazione in Italia, ha ottenuto la certifcazione IDEM per la parità di genere, che riconosce il percorso avviato dall’azienda verso una maggiore valorizzazione dei talenti al femminile.
Per raggiungere questo importante obiettivo, Elior ha fissato target sia a livello di Gruppo che specifici per l’Italia, grazie ad una strategia di Diversity&Inclusion che accompagnerà le scelte dell’organizzazione nei prossimi anni.
Il programma è supportato da una nuova Policy D&I che si pone l’obiettivo non solo di favorire le pari opportunità all’interno dell’azienda, ma soprattutto creare proattivamente una cultura aziendale volta all’inclusione in ogni contesto dell’attività lavorativa.

Per quanto riguarda la parità di genere, Elior punta a raggiungere il 30% di top manager donne nel 2025 e il 40% entro il 2030. Il percorso dell’azienda non si ferma però alle sole figure dirigenziali, in quanto sono stati fissati obiettivi anche per le figure di middle management, che dovranno essere rappresentate da donne per il 37,5% entro il 2025 e per il 47% entro il 2030.
Tali obiettivi sono supportati da una condivisione di best practice tra i paesi del Gruppo, per assicurare l’adozione delle migliori iniziative dedicate a favorire l’empowerment femminile. Inoltre Elior ha avviato processi interni che possano supportare l’azienda verso questi traguardi, prima di tutto l’introduzione nel 2019 del programma di Talent Performance, sistema di autovalutazione e valutazione delle skills per la costruzione di percorsi di carriera su basi meritocratiche e strumenti per l’ascolto interno.

L’Italia deve ancora affrontare importanti sfide per assicurare un adeguato empowerment femminile: secondo il Global Gender Gap Report del WORLD ECONOMIC FORUM, l’Italia si pone al 63° posto su 156 paesi per partecipazione e opportunità economiche delle donne (72,1/100). La capacità di guadagno delle donne (57,2/100), la parità salariale (53,3/100) e le possibilità di carriera in politica, nel pubblico e nel privato (38,5/100) sono inoltre molto distanti dalla parità (100/100). Anche sugli indicatori che registrano valori più alti, come la partecipazione alla forza lavoro (75,2/100) e la presenza delle donne in occupazioni tecniche e ad elevato expertise professionale (90,9/100) l’Italia si colloca nella parte bassa della classifica.

“Crediamo che la crescita e lo sviluppo della nostra azienda non possa prescindere da un percorso di inclusione sempre più forte dei talenti al femminile in azienda. Le donne, il 71% della nostra forza lavoro, rappresentano già un’ampia quota del motore propulsivo che ci permette ogni giorno di soddisfare al meglio i nostri clienti e vogliamo fare sì che le loro competenze ed esperienze vengano sempre di più valorizzate. A questo scopo abbiamo presentato una Policy D&I e settato degli obiettivi specifici che ci guideranno verso una sempre maggiore inclusione. In questo senso la certificazione IDEM rappresenta un primo fondamentale passo avanti di cui siamo molto orgogliosi” sottolinea Ilaria D’Aquila, Direttore Risorse Umane e Organizzazione di Elior.

“È un piacere per noi di IDEM poter consegnare un riconoscimento importante ad Elior Italia, che da tempo porta avanti un impegno quotidiano per creare un ambiente di lavoro sempre più inclusivo e rispettoso delle diversità- afferma Federico Ferri, Senior Partner di IDEM – Con Elior abbiamo trovato molta disponibilità nell’accogliere ed abbracciare la metodologia di IDEM: per combattere un fenomeno spesso negato come la discriminazione di genere, bisogna misurarlo per renderlo evidente. Il nostro approccio “data driven” consente di trasformare in obiettivi misurabili le azioni a supporto della parità di genere in modo del tutto simile a quello che si fa per gli obiettivi di business, e quindi di attivare azioni di miglioramento mirate, per generare un cambiamento effettivo all’interno delle aziende e arrivare ad una vera cultura della parità”.

Grazie all’ottenimento della certificazione bronzo, Elior nel prossimo periodo identificherà le priorità d’intervento in ognuna della quattro dimensioni (accesso a percorsi di carriera, retribuzione, organizzazione del lavoro e cultura), stabilendo poi piani di azione specifici per continuare il percorso verso la “gender equality”, consci della strada finora percorsa e dei passi ancora da intraprendere.

Il percorso verso la parità di genere parte necessariamente dalla consapevolezza della reale situazione all’interno dell’organizzazione, e la consapevolezza scaturisce necessariamente dalla misurazione. In questo senso la metodologia IDEM si pone come finalità quella di trasformare in obiettivi misurabili le azioni a supporto della parità di genere, in modo del tutto simile a quello che si fa per gli obiettivi di business. Questo approccio consente di attivare azioni di miglioramento e di quantificare gli effetti, per generare un vero cambiamento all’interno delle aziende e arrivare ad una vera cultura della parità.

Nella foto, da sinistra: Federico Ferri, Senior Partner di IDEM, Tommaso Fabbri, Professore Ordinario di Organizzazione Aziendale, Direttore del Dipartimento di Economia “Marco Biagi” e Vice Direttore del Comitato Scientifico della Fondazione Marco Biagi, Ilaria D’Aquila, Direttore Risorse Umane e Organizzazione di Elior, Rosario Ambrosino, AD di Elior e Tindara Addabbo, Professoressa di Macroeconomia e Economia del Lavoro presso il Dipartimento di Economia Marco Biagi e Componente del comitato scientifico della Fondazione Marco Biagi.
Elior, leader in Italia nella Ristorazione Collettiva, serve nel nostro Paese oltre 95 milioni di clienti l’anno in più di 2.200 ristoranti e punti vendita attraverso 10.000 collaboratori. L’azienda opera in molteplici settori quali le aziende, le scuole, il socio-sanitario, l’hotellerie, le forze armate, i musei, e il travel con la ristorazione a bordo delle frecce di Trenitalia.
Elior si prende cura delle necessità di ogni singolo cliente e con soluzioni di ristorazione equilibrate, ambienti confortevoli, oltre a servizi diversificati e innovativi che incontrano tutti i gusti e desideri. Le soluzioni di flessibilità offerte da Elior sono studiate per tutte le esigenze e gli spazi, perché la pausa sia sempre un momento di benessere e relax.
La qualità è per Elior un impegno quotidiano reso concreto anche dalle certificazioni che sono costantemente rinnovate e dall’adesione a protocolli di sostenibilità, come il Global Compact, il programma delle Nazioni Unite sulla Responsabilità Sociale d’Impresa. Sulla base di queste premesse è stata elaborata la strategia di Responsabilità Sociale d’Impresa di Elior, Positive Foodprint Plan™, attraverso la quale si vuole creare un circolo virtuoso nel mondo della ristorazione, dal campo coltivato alla tavola, lavorando in sinergia con fornitori, clienti, utenti finali dipendenti.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍