Gelato Day: svelata la ricetta ufficiale del Gusto dell’Anno

Ferrarelle protagonista del 34° Premio Marketing

Ripartono le attività dell’Associazione Le Donne della Birra

Sibona miglior distilleria al mondo per 4 anni consecutivi

Festa della Pasta di Gragnano 2019: le visite alla Valle dei Mulini

Oltre a Renzo Arbore e alla sua Orchestra Italiana, super-ospiti attesissimi nella sera di sabato 28 settembre, la 19esima edizione della Festa della Pasta di Gragnano (in programma a Gragnano il 28 e 29 settembre) avrà un’altra star d’eccezione: la “Valle dei Mulini”. È un luogo unico al mondo, ancora poco conosciuto al di fuori di […]

Eventi Eventi & Fiere Redazione 2 - 25 Settembre 2019

Oltre a Renzo Arbore e alla sua Orchestra Italiana, super-ospiti attesissimi nella sera di sabato 28 settembre, la 19esima edizione della Festa della Pasta di Gragnano (in programma a Gragnano il 28 e 29 settembre) avrà un’altra star d’eccezione: la “Valle dei Mulini”.

È un luogo unico al mondo, ancora poco conosciuto al di fuori di Gragnano, eppure dobbiamo a questo sentiero che congiunge Castellammare ad Amalfi lungo il fiume Vernotico se il nome della “Città della Pasta” è celebre in tutto il mondo. Cinquecento anni fa nasceva qui uno dei primi “distretti industriali” dell’epoca, alimentato dalle tante sorgenti che ancora oggi rendono la pasta di Gragnano IGP inimitabile. Una tappa obbligata del Gran Tour degli artisti di ‘700 e ‘800 che ne hanno immortalato mulini e paesaggio: la Valle dei Mulini è anche natura lussureggiante con un microclima peculiare con una ricchissima biodiversità.

In questa edizione della Festa, che mira a valorizzare il territorio di Gragnano come elemento imprescindibile del suo celebre prodotto, il Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP ha deciso di far riscoprire la Valle dei Mulini dandole un ruolo da protagonista e “vestendola” per l’occasione.

Sarà infatti eccezionalmente possibile ammirare la Valle al tramonto e in notturna, grazie ad un percorso illuminato da faretti segna-passi e a video proiezioni installate all’inizio e alla fine del sentiero. A suggellare un’esperienza unica anche la presenza di artisti di strada e interventi culturali che arricchiranno di emozione e contenuti il viaggio nella Valle.

ph. credit Valentina Turci

Un “allestimento” che renderà ancora più suggestivo questo luogo, che sarà accessibile tramite visite guidate a partire dall’imbrunire di sabato 28 settembre dalle ore 18.00 alle 22.00 e domenica 29 settembre dalle 10 alle 15 con partenze da Via del Presepe ad intervalli di 30 minuti circa.

Il percorso si snoderà per un chilometro e mezzo tra i tanti mulini che rendono famosa la valle, tra cui il Mulino “Porta di Castello di Sopra”, interamente ristrutturato e rimesso in funzione ad aprile 2019 anche con il contributo del Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP.

Questo è solo uno degli aspetti della Festa che domenica ospiterà Pastifici Aperti, l’iniziativa con cui le aziende del Consorzio aprono le loro porte ai visitatori. E dopo aver nutrito la conoscenza, largo ovviamente al piacere del palato, con le degustazioni di ricette tipiche di pasta che invaderanno sabato e domenica le strade di Gragnano.

Infine, come ricordato, spazio alla grande musica popolare partenopea con Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana, che animeranno la cittadina con un grande concerto gratuito in piazza nella serata di sabato 28 settembre.

Festa della Pasta di Gragnano – Programma

Sabato 28 settembre

17.30, Inaugurazione ufficiale della Festa della Pasta nella Valle dei Mulini.

18.00 – 22.00, Visite serali alla Valle dei Mulini.

18.00 – 24.00, Via Roma: Degustazioni di Pasta di Gragnano IGP.

21.30, Piazza Amendola: Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana in concerto.

Domenica 29 settembre

10.00 – 15.00, Visite alla Valle dei Mulini, Pastifici Aperti, Degustazioni Pasta di Gragnano IGP.

 

Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP
Il Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP nasce nel 2003 dall’unione delle aziende storiche produttrici di Pasta di Gragnano. L’azione congiunta dei soci ha portato nel 2013 all’ottenimento dell’Indicazione Geografica Protetta, primo riconoscimento comunitario di qualità assegnato alla pasta in Italia e in Europa. A Gragnano si produce pasta di alta qualità fin dall’antichità: i primi pastifici a conduzione familiare risalgono al XVI secolo e nel 1845 da Ferdinando II di Borbone fu concesso ai maestri pastai gragnanesi l’alto privilegio di fornire la corte di tutte le paste lunghe, atto che sancisce formalmente la nascita della Città della Pasta. La mission del Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP è la tutela e lo sviluppo del prodotto Pasta di Gragnano in Italia e nel Mondo, come ambasciatore del Made in Italy e di uno stile di vita sostenibile, sano e naturale. L’IGP vincola ulteriormente la Pasta di Gragnano al suo territorio, dove solo il peculiare microclima di questo altopiano, collocato tra il mare e i Monti Lattari, e l’acqua pura e sorgiva che da qui sgorga creano un prodotto unico quando si uniscono alla semola di grano duro.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.


    Print Friendly, PDF & Email
    Condividi su:
    Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

      Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
      Autore articolo:
      Redazione 2

      Altri articoli:

      Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

      All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
      🔍