Il prosciutto Crudo di Cuneo protagonista a Bruxelles

A Dalla Corte Icon il Good Design Award

HorecaTv a Sigep 2023. Intervista con Roberto Brazzale di Brazzale SpA

Horeca: MIXOLOGY Academy lancia il contest per chi aspira ad aprire un bar

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



Gruppo Campari vende Lemonsoda alla danese Royal Unibrew

Gruppo Campari ha siglato un accordo per la cessione del business Lemonsoda a Royal Unibrew A/S, società produttrice di bevande con sede in Danimarca, che verrà perfezionato entro la fine di quest’anno. Il corrispettivo dell’operazione è pari a € 80,0 milioni in assenza di cassa o debito finanziario per il 100% del capitale sociale della società interamente controllata da […]

Redazione - Pubblicato il 9 Ottobre 2017 alle ore 11:18
Categoria: Business Categoria: Mercato

lemonsoda

Gruppo Campari ha siglato un accordo per la cessione del business Lemonsoda a Royal Unibrew A/S, società produttrice di bevande con sede in Danimarca, che verrà perfezionato entro la fine di quest’anno. Il corrispettivo dell’operazione è pari a € 80,0 milioni in assenza di cassa o debito finanziario per il 100% del capitale sociale della società interamente controllata da Davide Campari-Milano S.p.A., salvi i consueti meccanismi di aggiustamento prezzo. Il business ceduto comprende le bevande gassate analcoliche a base di frutta quali Lemonsoda, Oransoda, Pelmosoda e Mojito Soda, raggruppate sotto il marchio Freedea, e i marchi Crodo (a esclusione di Crodino). Oltre ai marchi, il perimetro della vendita include il sito produttivo e di imbottigliamento situato a Crodo, nel Nord Italia, la sorgente d’acqua e il magazzino. Nel 2016 i marchi ceduti hanno registrato vendite per € 32,8 milioni e un margine di contribuzione (margine lordo dopo le spese per pubblicità e promozioni), prima dei costi allocati e degli ammortamenti, pari a € 6,3 milioni. Le vendite totali dei brand ceduti rappresentano circa il 2% delle vendite totali di Gruppo Campari nell’anno 2016. L’Italia costituisce il mercato principale per i brand, con un peso pari all’84,3% delle vendite nell’anno 2016. Il controvalore totale dell’operazione corrisponde a un multiplo di circa 13 volte il margine di contribuzione, prima dei costi allocati e degli ammortamenti, relativo ai brand ceduti. L’accordo prevede che Royal Unibrew continuerà a produrre alcuni prodotti di proprietà di Gruppo Campari, attualmente imbottigliati nello stabilimento di Crodo. La transazione mostra l’impegno di Gruppo Campari volto a razionalizzare il portafoglio per aumentare il focus sui brand spirit prioritari. Leggi qui il comunicato stampa in versione integrale


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍