Masi: nuovi riconoscimenti dalla critica nazionale e internazionale e dalle guide enologiche 2023

Grana Padano XSMAS Truck: abbracciamo la generosità

Andrea Benvegna è il vincitore italiano di PATRÓN Perfectionists

San Benedetto Ecogreen corre assieme agli atleti della Firenze Marathon

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



Il ministro Centinaio scommette sull’enoturismo

Turismo e vino sono un abbinamento vincente. E sono sempre di più i turisti che scelgono di seguire i percorsi dei vini e delle cantine per scoprire un territorio. A sostenerlo è il ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, a Milano per la presentazione di The Winesider – Best Italian Wine Awards, l’appuntamento annuale […]

Redazione - Pubblicato il 27 Settembre 2018 alle ore 4:46
Categoria: Notizie Categoria: Turismo

Enoturismo in Italia

Turismo e vino sono un abbinamento vincente. E sono sempre di più i turisti che scelgono di seguire i percorsi dei vini e delle cantine per scoprire un territorio.

A sostenerlo è il ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, a Milano per la presentazione di The Winesider – Best Italian Wine Awards, l’appuntamento annuale che premia i migliori cinquanta vini italiani secondo la classifica stilata da Luca Gardini e Andrea Grignaffini con una giuria di esperti internazionali.

Pensiamo di aver iniziato in questi mesi a dare risposte al mondo del vino, con il lavoro del ‘Comitato Vino’ e dando strumenti ai produttori per la promozione internazionale” ha detto il ministro, ribadendo il proprio sostegno al settore, “come ci chiedono i produttori e i tour operator“. Centinaio ha anche sottolineato il lavoro fatto per la tutela della qualità del vino italiano nel mondo. “Abbiamo bloccato il Prosecco in lattina e i vini in polvere, e bloccheremo ogni tentativo di copiatura del vino italiano“.

Le mete del turismo enogastronomico celebrate dalla rivista Forbes

La mecca italiana dell’enoturismo è senza dubbio la Toscana, almeno secondo la rivista economica statunitense Forbes che ha stilato una lista delle sei mete imperdibili per i winelovers. Tre, per Forbes, le proprietà fondamentali che deve avere una terra capace di porsi come meta di riferimento dell’enogastronomia: paesi graziosi, paesaggi (con vigneti) mozzafiato e ottime annate di vini, più o meno famosi.

Montepulciano col suo Nobile, Montalcino col famoso Brunello e Montefalco in Umbria col suo Sagrantino: questi i tre territori che la rivista incorona come immancabili mete del turismo enogastronomico. Sia Montepulciano che Montalcino sono un’unione perfetta di bellezza del borgo medievale, carico di storia e tradizione, e di cantine e wine bar. Montefalco è la patria del Sagrantino, un gioiello del Medioevo, e anche qui, riporta ancora la rivista, il mix tra architettura da visitare e wine bar per la degustazione è invidiabile.
Le aziende citate sono Biondi-Santi a Montalcino e Arnaldo Caprai a Montefalco.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍