Giornata Internazionale Caffè. Porte aperte da Costadoro per diffondere la cultura del caffè

Il caviale sostenibile Made in Italy Calvisius a La Vendemmia di Montenapoleone District

Trieste Coffee Experts: il 28 ottobre l’anteprima della sesta edizione dell’evento curato da Bazzara

SorrentoGnocchiDay: arriva la seconda edizione

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



Il pane costa 900 milioni in più agli italiani

I dati Eurostat mostrano quanto sia aumentato rispetto allo scorso anno il prezzo del pane. Coldiretti pone l'accento su manovre speculative che gonfiano i prezzi, danneggiando produttori e acquirenti, i consumatori e professionisti Horeca

Indagini e Ricerche Redazione 2 - 21 Settembre 2022

Dal grano al pane, i prezzi aumentano più di dieci volte a causa non solo dei rincari ma delle “distorsioni” all’interno della filiera. Il risultato è che sia gli agricoltori che gli acquirenti (consumatori e operatori Horeca) subiscono i danni peggiori.

Secondo Coldiretti, un chilo di grano viene pagato oggi agli agricoltori intorno ai 36 centesimi e serve per produrre un chilo di pane che viene venduto a consumatori a prezzi che variano dai 3 ai 5 euro a seconda delle città. L’incidenza del costo del grano sul prezzo del pane resta dunque marginale, pari a circa il 10% in media.

Se a Milano una pagnotta da un chilo costa 4,46 euro, a Roma si viaggia sui 2,92 euro, a Bologna siamo a 4,91 euro, a  mentre a Palermo costa in media 3,89 euro al chilo, a Napoli 2,16 euro, secondo elaborazioni Coldiretti su dati dell’Osservatorio prezzi del Ministero dello Sviluppo economico a luglio. I prezzi nel frattempo hanno subito ulteriori rincari.

La guerra ha moltiplicato manovre speculative e pratiche sleali sui prodotti alimentari, aggravando così una situazione già incredibilmente tesa.

Se facciamo riferimento ai dati Eurostat divulgati proprio in questi giorni, che fanno riferimento ai prezzi di agosto 2022, scopriamo che il prezzo del pane è aumentato in Europa in media del +18% rispetto ad agosto 2020. Dati mensili mostrano anche un aumento significativo dell’inflazione complessiva, da +3% a +10%.

Alcuni paesi sono stati molto più colpiti di altri. Il tasso medio di variazione più elevato dei prezzi del pane è stato registrato in Ungheria (+66% ad agosto 2022), seguita da Lituania (+33%), Estonia e Slovacchia (entrambe +32%).

Nel frattempo, il tasso di variazione medio più basso dei prezzi del pane è stato registrato in Francia (+8% ad agosto 2022), Paesi Bassi e Lussemburgo (entrambi +10%), mentre l’Italia si piazza poco sopra queste cifre e comunque ancora al di sotto della media europea dei rincari.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍