Torna il Premio Grandenapoli.it 2021, per decretare i migliori nell’ambito F&B partenopeo

Gelato Day: svelata la ricetta ufficiale del Gusto dell’Anno

Ferrarelle protagonista del 34° Premio Marketing

Ripartono le attività dell’Associazione Le Donne della Birra

La frutta secca previene l’aumento di peso

Quattordici grammi di frutta secca al giorno aiutano a non ingrassare e riducono il rischio di obesità. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista BMJ Nutrition, Prevention & Health, che ha coinvolto 3 gruppi di individui: 51.529 maschi di 40-75 anni; 121.700 donne di 35-55 anni; 116.686 donne di 24-44 anni. Gli esperti hanno seguito […]

Salute Redazione 4 - 3 Ottobre 2019

frutta secca

Quattordici grammi di frutta secca al giorno aiutano a non ingrassare e riducono il rischio di obesità. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista BMJ Nutrition, Prevention & Health, che ha coinvolto 3 gruppi di individui: 51.529 maschi di 40-75 anni; 121.700 donne di 35-55 anni; 116.686 donne di 24-44 anni.
Gli esperti hanno seguito il campione per venti anni monitorando stato di salute, peso e alimentazione ogni quattro anni. Dallo studio emerge che chi ha aggiunto alla propria alimentazione almeno 14 grammi di frutta secca al giorno presentava un minor rischio di prendere due o più chili in quattro anni.
Consumare una manciata di noci al giorno si associa a un rischio di divenire obesi del 15% minore. Un effetto ancora migliore se viene consumato in sostituzione di qualche cibo poco sano come le patatine. Lo studio è stato puramente osservazionale ma ha conferfmato che il consumo regolare di frutta secca (ricca di vitamine, sali minerali, grassi ‘buoni’, insaturi) faccia bene alla salute e aiuti il controllo del peso, per esempio contribuendo ad aumentare il senso di sazietà.

frutta secca

Uno studio guidato dalla Loma Linda University School of Public Health e dalla International Agency for Research on Cancer ha inoltre analizzato le informazioni sulla dieta e sull’indice di massa corporea di 373.293 persone, tra i 25 e i 70 anni, reclutate tra il 1992 e il 2000 in 10 Paesi europei nell’ambito dello studio European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition.
In media, i partecipanti allo studio hanno guadagnato nell’arco di cinque anni due chili e cento grammi, ma coloro che consumavano più noci sono ingrassati meno. Gli amanti e consumatori di noci, mandorle, nocciole, pistacchi, e noccioline, infine, avevano un rischio del 5% più basso di diventare sovrappeso o obesi.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 5/5 (1)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 4

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍