9 illustrazioni raccontano i Paesi finalisti dell’Ernesto Illy International Coffee Award

Giornata Nazionale della Colletta Alimentare: Lactalis sostiene Fondazione Banco Alimentare Onlus

Andrea Leali vince Acqua di Chef 2021

Si avvicina la finale mondiale di Gelato Festival World Masters

La professione del cuoco va inserita fra i lavori usuranti!

Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto (ADG), Associazione Professionale Cuochi Italiani (APCI), Charming Italian Chef (Chic) e JRE Italia alle istituzioni per chiedere che la professione del cuoco sia inserita tra i lavori usuranti.

Attualità Business Notizie Redazione 2 - 10 Novembre 2021

Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto (ADG), Associazione Professionale Cuochi Italiani (APCI), Charming Italian Chef (Chic) e JRE Italia, promotori di #FareRete – progetto a cui hanno aderito oltre 30 Associazioni del settore ristorazione e accoglienza con l’intento di porsi come voce coesa e strutturata – si rivolgono nuovamente alle Istituzioni per chiedere che la professione del cuoco sia inserita tra le professioni usuranti

È stata inviata ieri la comunicazione a firma dei quattro presidenti delle associazioni diretta ai Ministri e ai Presidenti di Commissione per portare alla loro attenzione una questione che interessa un notevole numero di lavoratori italiani e che deve avere la necessaria considerazione per un settore produttivo e trainante dell’economia italiana. 

L’attuale situazione del comparto, acuita dalla crisi pandemica, ha creato una serie di conseguenze negative su molti aspetti, da cui è scaturito – tra l’altro – l’elevato numero di giovani che abbandonano tale tipologia di lavoro ritenuto non più attrattivo ma altamente impegnativo

Le difficili condizioni in cui operano i nostri professionisti a ogni livello, impegnati in periodi prolungati, orari disagiati, condizioni di lavoro spesso in spazi angusti e con temperature gravose incidono sulla stanchezza, aumentano lo stress psico-fisico, riducendo conseguentemente la vita di relazione sia pubblica sia privata. 

Il contesto normativo che caratterizza il mercato è di per sé connotato da limitazioni e iter procedurali particolarmente impattanti per il business delle aziende che operano nella ristorazione. È evidente quindi che sussistano nel settore dinamiche che ne rendono distorta la stessa natura e che pongono limiti all’iniziativa privata dell’impresa, la cui capacità di fare affari è fortemente impattata da vincoli esterni normativi e procedure non più attuali. 

Questa la condizione cui occorre porre rimedio, per sanare ciò che a tutti gli interlocutori istituzionali con cui sono state avviate discussioni proficue appare come una evidente “lacuna”

La categoria e il settore intero recano lustro al nostro Paese ogni giorno, per capacità e professionalità universalmente riconosciute. L’importante storia della ristorazione italiana e la sua celebrata tradizione meritano un’attenzione specifica da parte delle Istituzioni.

L’intervento delle Istituzioni anche in questo senso costituirebbe un segnale di vitale importanza, a beneficio di tutto il comparto e delle generazioni future. 

 


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 5/5 (2)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
     
    🔍