L’ortofrutta sul “blue carpet” del Giffoni Film Festival con Terra Orti

“The Perfect Match”, il tour estivo di Fever-Tree

The Milan Coffee Festival. Torna l’evento internazionale del caffè

A settembre a Napoli gran finale per il Leva Contest

L’associazione Ristoratori Veneto & Ho.Re.Ca. dice “Basta a tutto”

Dal 31 marzo parte la protesta delle attività horeca del Veneto. I ristoratori non richiederanno più green pass o mascherina all'interno dei propri locali.

Attualità Ristorazione Redazione 2 - 28 Marzo 2022

      Ascolta la notizia in formato audio

Pensiamo alla Francia, dove adesso il green pass serve solo per andare in ospedale e la mascherina per viaggiare sui trasporti pubblici: la ristorazione non è intaccata. Qui in Italia il 31 marzo si esce ufficialmente dall’emergenza ma l’unica differenza per bar e ristoranti è che non servirà il green pass per consumare all’esterno. Fino al 15 aprile è addirittura confermato il super green pass all’interno, mentre rimangono l’uso della mascherina e l’onere dei controlli scaricato sulle imprese”.

Prende voce nel Veneto la protesta dei ristoratori italiani, tramite l’associazione Ristoratori Veneto & Ho.Re.Ca., nata dieci mesi fa che rappresenta circa 5mila attività in tutta la regione, con il claim “Basta a tutto”.

Alessia Brescia, portavoce dell’associazione, sostiene che “Ristoratori Veneto ha sempre ribadito la natura economicida sul piano aziendale e antiscientifica sul piano sanitario dell’obbligo di green pass nei locali. Già da adesso comunichiamo al Governo, quindi, che dal 31 marzo decade per noi ogni norma emergenziale. Torneremo a fare il nostro lavoro come prima del Covid, cioè prima che la politica iniziasse a impoverire sistematicamente le nostre attività e la loro stessa natura, ch’è fatta in primis di relazione”.

Con il 31 marzo, dunque, per le attività horeca del Veneto termina ogni tipo di obbligo. I ristoratori non richiederanno più green pass o mascherina all’interno dei propri locali.

Secondo l’associazione il settore non può più aspettare una politica “i cui tempi e le cui decisioni hanno smarrito ogni logica e attinenza rispetto alla realtà imprenditoriale di chi gestisce un locale“.

L’associazione è perennemente attiva sul territorio. Appena dieci giorni fa, infatti, è stata inviata tramite email pec a tutti i comuni delle province del Veneto la richiesta di esenzione del pagamento del canone di occupazione del suolo pubblico, per tutto il mese di aprile 2022.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 5/5 (1)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍