Dolomia è la prima acqua minerale col marchio IoSonoFvg

Conferme importanti e new entry per l’edizione 2022 di Beer&Food Attraction

Annunciate le vincitrici del concorso nazionale “Extra Cuoca – Il talento delle donne per l’olio extra vergine di oliva”

Federico Casucci vince Do It Dry! con il ready to drink Kolino

Molino Spadoni: aumenta la produzione di farine e crescono le vendite online

Molino Spadoni aumenta la produzione di farine per le vendite online e nella GDO. Nonostante l'emergenza crescono anche gli ordini sul portale Casa Spadoni

Farine Redazione - 20 Aprile 2020

molino spadoni

In questo momento in cui l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19 va di pari passo con le difficoltà delle imprese e delle attività del nostro Paese, a causa delle misure contenitive, abbiamo bisogno anche di segnali positivi. Per questo Horecanews.it, tenendo fede al patto d’informazione con i suoi lettori, ha deciso di non fermare la normale programmazione ma di tenervi aggiornati sulle notizie del settore, anche per concedere un momento di svago dalle difficoltà del momento.

Lavora a tutto ritmo il Gruppo Spadoni per far fronte alla domanda di prodotti in tutta Italia, sia nella GDO che attraverso la richiesta diretta online. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria, ogni divisione dell’impresa romagnola ha riorganizzato il proprio piano produttivo e gestionale, adattandosi in modo propositivo e solido allo stravolgimento del comparto.

Il segmento farine di Molino Spadoni ha dovuto infatti affrontare il raddoppio produttivo, da 250 mila sacchetti dello stesso periodo 2019, a 500 mila sacchetti di oggi. Il momento straordinario ha portato l’azienda a riorganizzare la distribuzione della propria forza lavoro, alleggerendo di personale le aree dedicate al foodservice, attualmente a regime ridotto, per potenziare, anche attraverso nuove assunzioni a tempo determinato, gli stabilimenti di produzione di beni per la GDO e DO.

Anche per gli altri prodotti delle Officine Gastronomiche Spadoni come salumi, formaggi, sughi pronti, quindi prodotti sia freschi che ambient, è stato rafforzato il sistema organizzativo e distributivo, proprio per gestire il fortissimo aumento di richieste online pervenute attraverso la piattaforma “Casa Spadoni(www.casaspadoni.it).
Solo per gestire le spedizioni dello shop online, sono state infatti richiamate oltre 15 persone dello staff dei ristoranti dalla cassa integrazione, per far fronte alla forte domanda di prodotti, che arriva da tutta Italia.

Nel mese di marzo sono stati evasi oltre 1600 ordini, apportando un fatturato di oltre 80mila euro. Ma il dato più importante arriva dopo la prima settimana di aprile, dove è stato raggiunto praticamente lo stesso numero del complessivo mese precedente: oltre 1500 ordini e 70mila euro di fatturato. Una crescita che conferma l’apprezzamento degli utenti, sia per la qualità dei prodotti che per la celerità del servizio di consegna, nonostante le difficoltà e le limitazioni dei trasporti del periodo.

“Non appena è iniziato questo critico momento, abbiamo cercato di unire forze ed energia, disponibilità e determinazione del nostro personale dipendente, portando avanti il nostro dovere sociale in quanto azienda alimentare – riferisce Beatrice Bassi, Responsabile della Comunicazione di Molino Spadoni e AD di Casa Spadoni e di MC, Società di gestione del Mercato Coperto di Ravenna Fin dalle prime avvisaglie abbiamo subito messo in atto azioni per la tutela dei lavoratori: dispositivi di protezione per la sicurezza del lavoro in azienda, attuato smartworking ove possibile, riorganizzato gli uffici per garantire il distanziamento necessario, consentendo così una continuità di lavoro più ‘sereno’ per questo periodo estremamente intenso. Un altro aspetto importante è stato ed è il dialogo, costante e proficuo con i nostri dipendenti, collaboratori, fornitori, clienti e consumatori”.

Sul fronte dell’emergenza sanitaria, le iniziative attuate dall’azienda sin dai primi giorni di marzo sono molteplici e quotidiane: dalla disponibilità di mascherine, alle procedure di ingresso e uscita, l’utilizzo dei guanti, le sanificazioni straordinarie e rinforzate, il distanziamento delle postazioni di lavoro. Sono state avviate ove possibile anche le procedure di smartworking e le turnazioni straordinarie.
A tutela dei lavoratori è stata attivata inoltre una polizza gratuita assistenziale in caso di covid-19. Non ultimo, sin dalla retribuzione di marzo, i dipendenti impegnati che non svolgono la propria attività da remoto tramite lo smartworking, riceveranno un premio mensile di 200 euro, oltre a quanto previsto dall’ attuale quadro normativo.

Accanto allo stress gestionale del momento, non manca infine il fattore solidarietà, che ha sempre caratterizzato l’attività del Gruppo Spadoni. L’azienda infatti sta sostenendo con la fornitura di prodotti la Mensa di San Rocco a Ravenna, la Caritas di Faenza, l’Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì e la Protezione Civile di Monza.
Attualmente sono in corso altre operazioni di sostegno alle attività e alle comunità locali, testimonianza della sensibilità che l’azienda romagnola ha da sempre per le difficoltà del suo territorio.

molino spadoni
Molino Spadoni è leader nel mercato delle farine speciali e delle miscele per uso professionale e domestico. Dal 1921 si è affermata in altri settori del food, dai prodotti da forno surgelati agli alimenti senza glutine e al biologico, fino ad espandersi alla produzione di budini, snack, integratori, barrette, birra artigianale, liquori, aceti e grandi classici dell’Emilia Romagna, come i formaggi e la carne di Mora Romagnola. Con un fatturato di 51 milioni per l’anno 2019 e con una crescita del +15% nel 2020 rispetto all’esercizio precedente – e 14 stabilimenti di proprietà, il Gruppo impiega 120 dipendenti e si avvale di una fitta rete di agenti e di 403 distributori. La casa madre e il molino storico sono a Coccolia (RA), a cui si aggiungono le altre sedi suddivise per tipologia di produzione, un allevamento, la catena di ristoranti “Casa Spadoni” e da dicembre 2019 anche il Mercato Coperto di Ravenna, progetto commerciale ideato in collaborazione con COOP Adriatica.
L’azienda commercializza i suoi prodotti in Italia, in cui mantiene la sua posizione di leader di mercato nelle farine e miscele speciali con una quota del 32%, ed esporta in 30 Paesi esteri.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.


    Print Friendly, PDF & Email
    Condividi su:
    Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

      Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
      Autore articolo:
      Redazione

      Altri articoli:

      Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

      All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
       
      🔍