Martini sponsor di due importanti eventi musicali a Milano

Gli chef Claudio Sadler e Gennaro Balice protagonisti della terza tappa del Charing Golf Tour 2022

S.Pellegrino Young Chef Academy Competition 2022-23: svelata la giuria internazionale

Barista Attitude al World of Coffee con Tempesta

Per hotel e ristoranti nel 2022 si quadruplica il costo delle bollette

Il caro bollette continua a pesare nei bilanci delle PMI italiane. Secondo un’analisi di Banca AideXa per i settori hospitality e ristorazione l’incidenza dei costi dell’energia è cresciuta del 400% rispetto alla fine del 2021.

Indagini e Ricerche Redazione - 23 Giugno 2022

Il rincaro dei costi energetici negli ultimi mesi ha coperto a macchia d’olio pressoché tutte le PMI del Paese, soprattutto in seguito agli shock macroeconomici internazionali. In questo quadro già instabile, alcuni settori industriali si sono rivelati più esposti di altri ai rincari energetici, in prima fila i servizi di accoglienza e ristorazione.

Per quanto riguarda il settore dell’hospitality e ristorazione, la pressione dei costi si è fatta sentire in particolar modo nel primo trimestre del 2022, quando già a livello macroeconomico il taglio del 43% delle forniture di gas all’Italia da parte della Russia (dati Gazprom) ha pesato su molti comparti industriali.

Banca AideXa, istituto fintech fondato da Roberto Nicastro e Federico Sforza, ha analizzato i dati transazionali di un campione di PMI clienti e i costi sostenuti verso le maggiori società di gas ed elettricità. Confrontandoli con i dati delle vendite mensili delle stesse PMI, ha ottenuto una fotografia in tempo reale di quanto i prezzi ormai roventi delle bollette stiano pesando sul loro fatturato.

Per strutture ricettive e ristorazione da gennaio a oggi i costi energetici hanno toccato un picco del +400% rispetto alla fine del 2021, rallentando ulteriormente la ripresa di un settore già molto penalizzato durante e dopo il periodo pandemico. Un’incidenza così alta dei costi dell’energia significa che, soprattutto in concomitanza con l’aumento della domanda nel periodo estivo, restare al passo con la richiesta di servizi diventa molto più costoso del passato per gli imprenditori di questi settori.

Le analisi di AideXa confermano poi come l’incremento dei costi iniziato a fine 2021, pur essendosi assestato ad oggi su livelli leggermente più bassi, non si sia ancora del tutto allentato. A maggior ragione in seguito agli ulteriori tagli sulle forniture avvenuti in questi giorni.

E se negli ultimi mesi i riflettori sono rimasti accesi sulla sofferenza economica della grande industria italiana, alla luce di questi nuovi dati diventa ancora più urgente che venga stabilita una solida linea di intervento anche per le piccole e medie imprese del nostro territorio, che in Italia ad oggi sono più di duecentomila.
Walter Rizzi, Chief Data & Customer Engagement Officer di Banca AideXa, dichiara: “L’aumento dei costi energetici registrati nei settori hospitality e ristorazione sono il primo e più immediato segnale della spinta all’aumento dell’inflazione, che ci aspettiamo di registrare in tutti i settori nei dati del primo semestre 2022”.

Per maggiori info su Banca AideXa visita il sito https://www.aidexa.it/


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍