La Chef Marianna Vitale a Cinquanta Spirito Italiano per una cena benefica

Il Blu61® de La Casearia Carpenedo protagonista al Salon du Fromage di Parigi

Da Barcellona a Brescia: al Dialogue arriva il meglio della mixology mondiale

Una nuova sfida per i maestri del gelato

Premio Strega Mixology 2018: i cinque finalisti

Il Premio Strega Mixology, competizione rivolta ai più talentuosi barman e barlady italiani e organizzata dalla storica azienda Strega Alberti Benevento, è alla sua quarta edizione. Il 10 maggio sono stati comunicati a Roma i nomi dei cinque finalisti che parteciperanno alla serata conclusiva del Premio Strega Mixology, previsto durante la serata di conferimento del Premio Strega. Il Premio […]


Il Premio Strega Mixology, competizione rivolta ai più talentuosi barman e barlady italiani e organizzata dalla storica azienda Strega Alberti Benevento, è alla sua quarta edizione. Il 10 maggio sono stati comunicati a Roma i nomi dei cinque finalisti che parteciperanno alla serata conclusiva del Premio Strega Mixology, previsto durante la serata di conferimento del Premio Strega.
Il Premio Strega è il più prestigioso riconoscimento letterario italiano, creato nel 1947 dalla scrittrice Maria Bellonci e dall’imprenditore Guido Alberti, presidente del Consiglio di Amministrazione della storica azienda Strega Alberti di Benevento.
I concorrenti del Premio Strega Mixology hanno creato cocktail ispirati ai libri vincitori delle passate edizioni del concorso letterario e in cinque si sono aggiudicati l’opportunità di presentare la loro creazione durante la finale.

I cinque finalisti del Premio Strega Mixology

Ugo Acampora ha presentato “Testa Dura“, ispirato al romanzo di Francesco Piccolo “Essere come tutti” (Einaudi, 2013): Liquore Strega, Amaro Braulio, sherbet di limoni e camomilla, succo di limone e ginger beer.
Per realizzare “Ancora Una Volta”, Jonathan Bergamasco si è ispirato a “La strada per Roma” di Paolo Volponi (Einaudi, 1991) e ha utilizzato Liquore Strega, gin Tanqueray Ten, miele di ginepro, menta e succo di limone.
Ispirato al libro “Vita” di Melania Mazzucco (Rizzoli, 2003), Gianluca Di Giorgio ha realizzato il suo “Ottovolante” con Liquore Strega, Ginger Ale e Fernet Branca, con un vermouth infuso al popcorn.
Solomiya Grytsyshyn ha convinto i giudici con il suo “Cosmo Stregato“, ispirato da “Microcosmi” di Claudio Magris (Garzanti, 1997), a base di Liquore Strega, spuma di sambuco con yuzu, vodka, miele, succo di limone e acqua ai fiori d’arancio.
Arriva in finale anche “Il Compositore Stregato“, ideato da Edoardo Nervo e basato sul romanzo di Enzo Siciliano “I bei momenti” (Mondadori, 1997), un cocktail realizzato con Liquore Strega, whisky torbato, acqua sciroppata con camomilla, uovo aromatizzato, succo di limone, noce moscata e menta.

Il 5 luglio la serata di premiazione

La finale si terrà in occasione della serata di chiusura del Premio Strega, nella suggestiva cornice del Ninfeo del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, a Roma. La giuria tecnica ha fra i suoi nomi Alex FrezzaSamuele Ambros Leonardo Leuci. In palio un viaggio a Berlino dall’8 al 10 ottobre in cui il vincitore parteciperà come barman presso lo stand Strega al Bar Convent Berlin, il più importante evento europeo del settore bar.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍