Masi: nuovi riconoscimenti dalla critica nazionale e internazionale e dalle guide enologiche 2023

Grana Padano XSMAS Truck: abbracciamo la generosità

Andrea Benvegna è il vincitore italiano di PATRÓN Perfectionists

San Benedetto Ecogreen corre assieme agli atleti della Firenze Marathon

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



Prezzi da record per il Pecorino Romano Dop

Il prezzo del Pecorino Romano Dop ha superato i 13 euro al chilo. L'aumento è iniziato nel 2020, fino ad arrivare alle punte record attuali

Redazione 5 - Pubblicato il 3 Ottobre 2022 alle ore 14:30
Categoria: Notizie Flash

Il prezzo del Pecorino Romano Dop ha superato i 13 auro al chilo. I costi hanno iniziato ad aumentare nel 2020 per raggiungere, nel 2021, la quotazione di 9.38 euro al chilo. Da aprile 2022 il prezzo ha continuato a lievitare, arrivando agli 11 euro al chilo, fino a toccare punte record attuali, tra 12.80 e 13.50 euro/Kg.

L’aumento è dovuto al combinarsi di diversi fattori: una produzione limitata, la qualità migliorata, l’abbondante utilizzo del Pecorino Romano per la preparazione di piatti tradizionali, come la carbonara e la cacio e pepe, consuetudine nata nel periodo della pandemia. Il margine di guadagno resta, ma bisogna considerare le attuali condizioni economiche che comportano l’aumento dei costi degli imballaggi, delle materie prime e dell’energia. Senza contare la carenza di manodopera nelle campagne dove i pastori producono il latte di pecora (il Pecorino Romano viene prodotto al 95% in Sardegna e in qualche azienda di Lazio e Toscana).

Il presidente del Consorzio di Tutela del pecorino Romano Dop, Gianni Maoddi, si dichiara preoccupato dell’aumento dei costi di produzione, dall’allevamento alla trasformazione e dichiara “Se il livello dei consumi si manterrà a questo livello la produzione 2022 non sarà sufficiente ad arrivare a maggio 2023 quando verrà commercializzato il formaggio che inizierà ad essere prodotto da ottobre e potremmo anche assistere a una rottura di stock“.

La notizia interessante riguarda il mercato estero: il cambio euro – dollaro consente al consumatore statunitense di risentire di meno degli aumenti di prezzo, dato da considerare visto che gli Stati Uniti rappresentano il principale mercato di esportazione, con il 52% di quello destinato all’estero.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Autore articolo:
    Redazione 5

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍