Pasta Garofalo presenta “Canta che ti pasta”

HorecaTv a Sigep 2023. Intervista con Matteo Sala, Direttore Marketing del Gruppo Casa Optima SpA

La versatilità di OperaPrima vola ad Atene per Horeca Greece

Beer&Food Attraction: una food court per franchising e occupazione

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



Puok omaggia la pizza fritta con il nuovo panino Diego Armando Masardona

Il burger store napoletano Puok omaggiano Napoli, l’Antica friggitoria La Masardona e la tradizionale pizza fritta con il panino Diego Armando Masardona, disponibile nei locali dal 25 gennaio

Redazione - Pubblicato il 23 Gennaio 2023 alle ore 15:31
Categoria: Ristorazione

Puok, il burger store con due sedi a Napoli, al Vomero e a Spaccanapoli, inaugura il 2023 con un nuovo panino: Diego Armando Masardona. Un tributo a Napoli, alla pizza fritta, a Maradona e all’Antica friggitoria La Masardona, il tempio della pizza fritta napoletana dal 1945.

Un nome che è tutto un programma, come tutti i panini di Puok. In tre parole la quintessenza di Napoli: il mito della pizza fritta e quello di Maradona.

 

Il panino Diego Armando Masardona di Puok contiene esattamente gli ingredienti di una pizza fritta completa, ma re-immaginati e stratificati in perfetto stile PUOK: cicoli napoletani piastrati (con sale e pepe), provola impanata e fritta, crema di pomodorini arrosto, ricotta sale e pepe, basilico.

L’intento è celebrare il Battilocchio, ovvero la prima pizza fritta napoletana, nata nel dopoguerra, fatta con ingredienti semplici ed economici: ricotta, cicoli di maiale e pepe. Ma non solo, Egidio Cerrone, co-founder e anima e palato creativo di Puok, dichiara da subito la sua devozione a La Masardona, l’antica friggitoria partenopea della famiglia Piccirillo, che propone ancora oggi la ricetta classica della nonna, detta la Masardona, che impastava e friggeva per strada sotto casa.

Per me la Masardona è un vero e proprio monumento napoletano, un luogo di culto da mettere nelle guide tra il Cristo Velato e il Cimitero delle Fontanelle. La sede storica è un posto lontano dal centro, ma basta fare due passi lì intorno ed è percepibile la vera essenza della napoletanità. Operai in fila al mattino per accaparrarsi le loro “marenne fritte”, gente da ogni dove, ma soprattutto gente del posto, famiglie legate ancora a quella benedetta signora, la Masardona, che tanti anni fa friggeva pizze nel suo vascio. Oggi l’attività è portata avanti da Enzo Piccirillo, e per me Enzo è sempre stato una sorta di spirito guida, sempre lì, col sorriso e l’ironia, ma anche con la serietà dei maestri, a insegnare ai suoi collaboratori l’arte del friggere tramandata da generazioni, ai figli soprattutto, Salvatore e Cristiano, che oggi gestiscono con successo le sedi di Mergellina e Roma. Per me Enzo è il Maradona della pizza fritta, per lui la pizza fritta non è una cosa in più, è la sua vita, e nel fare un tributo a Napoli attraverso la sua pizza, non potevo scegliere nome migliore per questo nuovo panino: DIEGO ARMANDO MASARDONA, perché così dovremmo chiamare Enzo Piccirillo“, commenta Egidio Cerrone.

Enzo Piccirillo e Egidio Cerrone

Dal 25 gennaio, Diego Armando Masardona sarà disponibile nei burger store di via Cilea al Vomero e di Spaccanapoli. Ogni morso è una esplosione di sapore, a ogni morso si ritorna al cuore di una pizza fritta, ogni morso si ritorna nel cuore di Napoli.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍