A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

Ricerca al Bambin Gesù: l’olio d’oliva può combattere l’obesità infantile

Nell’olio di oliva è presente una sostanza, l’idrossitirosolo, che può combattere l’obesità infantile. La conferma viene da uno studio condotto da medici e ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e pubblicato su Antioxidant and Redox Signaling. Per questo studio i ricercatori si sono avvalsi dell’esperienza del Dipartimento di chimica, biologia e farmacologia dell’Università di […]

Olio e condimenti Salute Redazione 4 - 15 Gennaio 2019

Nell’olio di oliva è presente una sostanza, l’idrossitirosolo, che può combattere l’obesità infantile.

La conferma viene da uno studio condotto da medici e ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e pubblicato su Antioxidant and Redox Signaling.
Per questo studio i ricercatori si sono avvalsi dell’esperienza del Dipartimento di chimica, biologia e farmacologia dell’Università di Messina che ha potuto dimostrare come l’idrossitirosolo migliora lo stress ossidativo, l’insulino resistenza e la steatosi epatica nei bambini obesi e affetti da fegato grasso.

L’aumento dell’obesità infantile è uno dei principali problemi mondiali e ha determinato un aumento di casi di fegato grasso o steatosi epatica non alcolica. Negli ultimi vent’anni infatti la steatosi ha raggiunto proporzioni epidemiche anche tra i più piccoli diventando la patologia cronica del fegato di più frequente riscontro nel mondo occidentale. In Italia si stima che ne sia affetto circa il 15% dei bambini, ma si arriva fino all’80% tra i bambini obesi. L’aumento dello stress ossidativo che le cellule subiscono a causa dell’obesità è una delle cause del fegato grasso.

L’idrossitirosolo, è bene precisarlo, è un fenolo dell’olio di oliva con elevato potere antiossidante; per ottenere il risultato antiossidante andrebbero usate grandi quantità di olio, che, sappiamo bene, non sono consigliabili per una dieta equilibrata. Oggi, però, grazie alla ricerca farmaceutica, è possibile estrarre solo le sostanze antiossidanti dell’olio d’oliva senza avere l’effetto calorico ma solo gli effetti benefici.
Questi prodotti assolutamente naturali possono essere integrati nella dieta dei bambini per combattere le complicazioni legate all’obesità.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 4

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍