Giuseppe Aloisio vince il primo Campionato Mondiale di Originale Pinsa Romana

Al via la terza edizione di Panettone Maximo

Annunciato il vincitore dell’Ernesto Illy International Coffee Award 2021

Gelato Festival World Masters: il miglior gelato del mondo è ungherese

Salad House: a Milano l’insalateria fast casual conquista con il suo cuore newyorkese

Nata dall'ingegno di Venus e Matthew Modabber, Salad House è l'insalateria fast casual con cuore newyorkese e ingredienti italiani.

Ho.Re.Ca. Ristorazione Redazione 2 - 15 Ottobre 2021

Parte da New York l’idea alla base di Salad House, l’insalateria “fast casual” che ha fatto delle ricche insalatone americane un’alternativa gustosa e originale ai tipici pasti “fast” milanesi.

L’insalata in Italia è sinonimo di contorno a base generalmente di verdure crude, non rappresenta di certo un pasto principale. Ed è quello che ha colpito subito Matthew Modabber, giovane 19enne quando, trasferitosi da New York a Milano per studiare International Economics and Management all’Università Bocconi, si accorge di una carenza all’interno della scelta dei pasti veloci da consumare in pausa pranzo: pizzette, panini, piadine e piatti pronti. Una varietà limitata che all’improvviso lo ha riportato con la mente ed il cuore nella Grande Mela. 

Venus Modabber e Matthew Modabber

Mi sono reso conto, all’istante, che mancavano le nutrienti e gustose “chopped” salads tanto in voga a New York, ossia le tipiche insalatone abbondanti americane, con ingredienti che vengono mixati e amalgamati per esaltarne il gusto, già condite da poter mangiare facilmente, anche tra una lezione e l’altra, o in ufficio come di abitudine tra i newyorchesi. – racconta Matthew Modabber, Co-Founder di Salad House – Da quel momento, nasce in me l’idea di portare anche in Italia un pezzetto di Grande Mela, puntando ad invertire la tendenza del fast food ed allo stesso tempo rinfrescare il concetto di take away, creando un’insalata che potesse essere amata anche da chi non ama le insalate”.

Matthew decide di raccontare la sua idea alla sorella Venus, che all’epoca lavorava presso una società di consulenza a New York ed era quindi abituata allo stile di vita “business” e ai  ritmi di New York che spesso le imponevano di consumare le insalatone durante la pausa pranzo davanti al pc. In poco tempo cominciano insieme a costruire il progetto della prima insalateria ‘fast casual’ in Italia, un sogno che si concretizza nel 2018, con la nascita di Salad House, in via Sant’Agnese, nel centro storico di Milano: un luogo dove le insalate diventano il piatto perfetto per tutti, un pasto principale, bilanciato e ricco di nutrienti, saporito e gustoso. Non più, quindi, un semplice contorno di verdure crude all’italiana ma realizzato con ingredienti personalizzabili per ciascun consumatore, “choppate” per esaltarne tutti i sapori e coinvolgere tutti i sensi. 

Ad oggi Salad House ha all’attivo già due sedi a Milano, una in via Santa Tecla, a due passi dal Duomo in Via Santa Tecla e l’altra in Cadorna, in via Sant’ Agnese, ha registrato un +397% di fatturato in soli 3 anni, nonostante il difficile e complicato periodo della pandemia, con una media di oltre 350 insalate al giorno. 

Lo staff di Salad House è quasi interamente under 26: la cultura aziendale si basa interamente sulla customer experience, con l’intento di offrire un’esperienza memorabile ai suoi clienti. Venus e Matthew formano infatti i propri dipendenti con un training estensivo della durata di varie settimane, per fare apprendere alla perfezione il loro personale metodo di chopping ed i dosaggi perfetti che fa parte della cura e attenzione verso le insalate che contraddistingue Salad House.

Per comporre le insalate di Salad House è possibile scegliere tra una varietà di oltre 50 ingredienti tra cui toppings come peperoni, cipolle rosse, cetrioli dal gusto occidentale, fino a pesche, pere e mele, che donano un tocco esotico al pasto. Si possono inoltre aggiungere le proteine come pollo al curry, pulled pork, tacchino, tonno, salmone affumicato, fino alle scelte vegane quali tofu e avocado per poi condire il tutto con salse o condimenti come pesto vinaigrette, siracha, yogurt tzatziki, senape e miele e tante altre.

Le chopped salad diventano così un pasto principale all’interno del quale sono presenti tutti i nutrienti necessari per un piatto equilibrato, sapientemente tritati per almeno un minuto ed assemblati contemporaneamente per assaporare al meglio tutti i sapori scelti in un unico boccone.” – racconta Venus Modabber, CoFounder di Salad House.Per noi il gusto è al primo posto, così come l’attenzione al cliente. Se non hai gradito appieno l’insalata con le opzioni e le aggiunte da te scelti, siamo disposti a rifartela al momento con tutte le tue richieste ed esigenze!

Per gli amanti dei burritos, è inoltre possibile scegliere i salad burritos che è possibile farcire con tutti gli ingredienti, topping e salse previste nelle opzioni per l’’insalata. Oltre alle insalate e alle bowls, infine, Salad House offre anche un servizio di catering per le aziende che comprende dei lunch box individuali, perfetti per le riunioni in ufficio oppure per singoli eventi.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
     
    🔍