L’ortofrutta sul “blue carpet” del Giffoni Film Festival con Terra Orti

“The Perfect Match”, il tour estivo di Fever-Tree

The Milan Coffee Festival. Torna l’evento internazionale del caffè

A settembre a Napoli gran finale per il Leva Contest

Succo d’arancia: la percentuale del frutto sale da 12 a 20%

È entrata in vigore da pochi giorni, con precisione il 6 marzo, la legge nazionale che innalza la percentuale di succo d’arancia contenuto in tutte le bibite all’agrume prodotte in Italia dal 12 al 20%. Dopo 60 anni quindi si potrà dire stop alle bibite con basse percentuali di frutta, migliorando obbligatoriamente la qualità dei prodotti […]

Attualità Redazione - 8 Marzo 2018

È entrata in vigore da pochi giorni, con precisione il 6 marzo, la legge nazionale che innalza la percentuale di succo d’arancia contenuto in tutte le bibite all’agrume prodotte in Italia dal 12 al 20%.
Dopo 60 anni quindi si potrà dire stop alle bibite con basse percentuali di frutta, migliorando obbligatoriamente la qualità dei prodotti offerti ai consumatori, tutelandone la salute.
Il provvedimento contribuirà a diffondere stili alimentari corretti, a prevenire malattie (come obesità e diabete) e infine si pone l’obiettivo di scoraggiare le aziende del comparto beverage ad utilizzare aromi artificiali e zucchero, quest’ultimo generalmente utilizzato per compensare il gusto di prodotti realizzati con materie prime di scarsa qualità.
Coldiretti, inoltre, sottolinea come la nuova normativa sia un traguardo oltre che per i consumatori anche per i produttori: “Ad oggi per ogni aranciata venduta sugli scaffali a 1,3 euro al litro agli agricoltori vengono riconosciuti solo 3 centesimi per le arance contenute, del tutto insufficienti a coprire i costi di produzione e di raccolta. Una situazione che – denuncia la Coldiretti alimenta una intollerabile catena dello sfruttamento che colpisce lavoratori, agricoltori ed i trasformatori attenti al rispetto delle regole.”
Ora, per Coldiretti, resta un ultimo traguardo: rendere obbligatoria in etichetta l’indicazione dell’origine della frutta utilizzata, per evitare che succhi realizzati con materia prima non italiana vengono spacciati per prodotti nostrani.
L’approvazione del provvedimento è stata festeggiata dalla Confederazione con una giornata di mobilitazione interamente dedicata all’arancia, che ha visto susseguirsi una serie di eventi in ogni città d’Italia.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍