Sparkling Night. Sommelier Coach al Corner 58 di Roberto Conti

Oltre 900 espositori, 22 insegne e 6 padiglioni per Marca by BolognaFiere

La Dieta Mediterranea conquista l’ONU

Distilleria Nardini trionfa agli Heritage Corporate Awards 2022

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



Sugar Tax slitta di 12 mesi. ASSOBIBE: “ora auspichiamo la cancellazione”

La nuova Legge di Bilancio ha rimandato di 12 mese l'attuazione della Sugar Tax. Soddisfazione di ASSOBIBE che auspica alla cancellazione della norma che danneggerebbe soprattutto le PMI del comparto

Redazione - Pubblicato il 22 Novembre 2022 alle ore 15:24
Categoria: Attualità

La Legge di Bilancio, approvata ieri 21 novembre dal Consiglio dei Ministri, ha confermato il posticipo di 12 mesi dell’entrata in vigore della Sugar tax.
Soddisfazione per la decisione da parte di ASSOBIBE, associazione di CONFINDUSTRIA che rappresenta i produttori di bevande analcoliche; “Accogliamo con sollievo la notizia del posticipo deciso in Legge di Bilancio – dichiara Giangiacomo Pierini, Presidente di ASSOBIBE e confidiamo che il prossimo passo sia la cancellazione definitiva della tassa, anche alla luce dei dubbi di legittimità costituzionale sollevati dal TAR del Lazio con l’ordinanza dello scorso 14 novembre”.

Pronunciandosi sul ricorso presentato da ASSOBIBE il 26 luglio 2021 contro il decreto attuativo della Sugar tax, il Tribunale Amministrativo ha infatti rimandato alla Corte Costituzionale l’esame dei commi 661-676, dichiarando “rilevante e non manifestamente infondata” la questione di legittimità costituzionale in relazione al fatto che l’imposta è applicata alle sole bevande analcoliche contenenti edulcoranti.
Da anni ci battiamo perché venga riconosciuta la natura discriminatoria della Sugar tax, oltre che la sua inutilità ai fini salutistici e di gettito per lo Stato, soprattutto a fronte dell’impatto che avrebbe su imprese, filiera e posti di lavoro”, dichiara Pierini.

ASSOBIBE ricorda che la tassa, che colpisce tutte le bevande dolci – con zucchero, senza zucchero o con succo di frutta (naturalmente dolce), non lasciando alternative ai produttori in materia di innovazione di prodotto o riformulazione – si traduce in un aumento del 28% della pressione fiscale su un litro di bevanda analcolica, con un effetto recessivo (stime Nomisma) del -11,6% nel 2023 rispetto al 2022 e del 17,1% rispetto ai livelli pre-pandemia, e oltre 5.000 posti lavoro a rischio. A farne le spese saranno soprattutto le PMI, che rappresentano il 64% delle imprese del settore: circa l’80% passerebbe da un utile a una perdita, con conseguenze su tutta la filiera a esse collegata.

Il posticipo dell’entrata in vigore deciso dal Consiglio dei Ministri è un primo segnale importante per le imprese del settore – conclude il Presidente di ASSOBIBE -. È ora auspicabile un rapido intervento del Parlamento per una cancellazione definitiva che faciliti investimenti altrimenti bloccati da un’ulteriore tassa che sarà prima o poi giudicata incostituzionale”.

Giangiacomo Pierini, Presidente ASSOBIBE


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍