L’ortofrutta sul “blue carpet” del Giffoni Film Festival con Terra Orti

“The Perfect Match”, il tour estivo di Fever-Tree

The Milan Coffee Festival. Torna l’evento internazionale del caffè

A settembre a Napoli gran finale per il Leva Contest

Surgelati nel fuori casa: nel 2021 la svolta dei consumi nella ristorazione. L’indagine IIAS

Il 2021 è stato l'anno della svolta per i surgelati nel fuori casa, di pari passo con la ripartenza della ristorazione dopo i lockdown. L'indagine di Istituto Italiano Alimenti Surgelati mostra non solo i dati sulla crescita del 2021, ma anche i trend futuri del comparto da tenere d'occhio.

Indagini e Ricerche Redazione 2 - 5 Luglio 2022

Il 2021 è stato un anno ancora difficile per la ristorazione italiana: la prosecuzione delle misure restrittive per quasi tutto il primo semestre ha significativamente compromesso la possibilità di riassorbire le pesanti perdite di fatturato registrate nel 2020, sebbene i consumi alimentari fuori casa abbiano realizzato un +20% a valore (65 miliardi di euro vs. i 54 del 2020). Di questo trend hanno beneficiato anche i prodotti surgelati, che hanno registrato un aumento dei consumi pari al +19,6% a volume, attestandosi a 240 mila tonnellate e tornando a ricoprire il ruolo di elemento/alimento sempre più centrale nelle scelte di offerta della ristorazione collettiva.

Il 2021 è stato un anno ancora difficile per la ristorazione italiana: la prosecuzione delle misure restrittive per quasi tutto il primo semestre ha significativamente compromesso la possibilità di riassorbire le pesanti perdite di fatturato registrate nel 2020, sebbene i consumi alimentari fuori casa abbiano realizzato un +20% a valore (65 miliardi di euro vs. i 54 del 2020). Di questo trend hanno beneficiato anche i prodotti surgelati, che hanno registrato un aumento dei consumi pari al +19,6% a volume, attestandosi a 240 mila tonnellate e tornando a ricoprire il ruolo di elemento/alimento sempre più centrale nelle scelte di offerta della ristorazione collettiva (Fonte: Indagine IIAS – BVA Doxa 2021).

Del resto, più di 9 italiani su 10 portano ormai abitualmente sulle proprie tavole i prodotti surgelati, entrati a far parte della dieta alimentare dei nostri connazionali, che li apprezzano per la praticità, la sicurezza, la trasparenza delle informazioni in etichetta, le proprietà nutrizionali pressoché analoghe a quelle dei prodotti freschi, la possibilità che offrono di variare spesso il menù e la capacità di ridurre gli sprechi.

“I prodotti surgelati – commenta Giorgio Donegani, Presidente IIAS fanno ormai pienamente parte delle abitudini alimentari degli Italiani e non si capisce perché, nella ristorazione, sia necessario segnalare la presenza di un ingrediente/alimento sottozero, quasi ad indicare che ciò significhi una qualità inferiore rispetto a un alimento fresco. E invece, oggi i surgelati sono buoni, nutrienti e sicuri quanto e a volte più di qualsiasi altro tipo di alimento, grazie a un processo produttivo tecnologicamente all’avanguardia, che fa raggiungere rapidamente alla materia prima fresca la temperatura di -18° C e mantiene in questo modo al meglio le sue qualità organolettiche e nutrizionali. Perciò, può davvero l’asterisco essere lo strumento più adeguato a tutelare una scelta informata e consapevole del consumatore, o invece rischia solo di fornire un’accezione negativa e fuorviante di un prodotto alimentare di assoluta qualità?”.

Sulla risposta a questa domanda non ha dubbi la FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), secondo cui “l’obbligo dell’asterisco sui menù è il frutto di un’interpretazione del tutto anacronistica, rimasta ancorata a schemi passati e a modelli di consumo superati, che non riesce a comprendere come le tecniche di congelamento/surgelazione si siano evolute nel tempo, garantendo oggi una qualità e una salubrità perfino superiori al prodotto trattato come fresco. Il consumatore di oggi ha conoscenze, esperienze e un accesso alle informazioni talmente rafforzato che non ha bisogno di un asterisco protettivo per essere garantito sui propri consumi”.

Lo stesso pregiudizio verso i surgelati, ampiamente superato dagli Italiani ma non dal Legislatore, si ritrova nei nuovi Criteri Ambientali Minimi (CAM) per il servizio di ristorazione pubblica. La normativa, infatti, continua a limitare fortemente, senza alcuna base scientifica, la tipologia degli alimenti surgelati ammessi nella refezione pubblica, anche scolastica, consentendo il consumo esclusivamente di 4 prodotti vegetali – piselli, fagiolini, spinaci e biete – e di prodotti ittici selezionati in base all’area di pesca (sono ammessi solo quelli provenienti dalle zone geograficamente più vicine all’Italia: Mediterraneo, Mar Nero, Atlantico Nord-Orientale e Mar Baltico). 

“IIAS ritiene che il tema meriterebbe una riflessione pubblica, volta a sgombrare il campo da pregiudizi datati e privi di logica, con l’obiettivo di nobilitare l’uso degli alimenti surgelati anche nel campo della ristorazione collettiva (mense, scuole, ristoranti), contribuendo a diffondere una corretta cultura del prodotto sottozero”, conclude il Presidente Donegani.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍