A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

Terrazza Aperol inaugura a Venezia

Apre a Venezia in Campo Santo Stefano la nuova Terrazza Aperol: un nuovo modo di vivere il rituale della convivialità grazie anche al progetto di interior design curato da Vudafieri-Saverino

Bar Ho.Re.Ca. Ristorazione Redazione - 3 Settembre 2021

Apre ufficialmente i battenti a Venezia Terrazza Aperol, nuovo locale dello storico brand Aperol di Campari Group.

Un locale di oltre 200 mq – di cui 90 mq in esterno – situato in Campo Santo Stefano, a pochi passi dal Ponte dell’Accademia. Il progetto di interior è stato affidato a Vudafieri-Saverino Partners che ha disegnato un luogo che si fa portavoce dei valori veneziani e dei codici distintivi del marchio, capace di interpretare in un solo gesto sia l’eredità lunga un secolo che la natura contemporanea dell’aperitivo con Aperol Spritz. Un rito che – partito proprio dalle calli veneziane – si è imposto nel mondo come un momento di socialità e condivisione.

Terrazza Aperol si ispira e rivisita il tradizionale bacaro – la tipica osteria veneziana – proponendo un locale di impronta cosmopolita, in un continuum fluido fra ambientazioni dal differente carattere, tra interni ed esterni. Un mix che, partendo dalle tradizioni veneziane più autentiche, aspira a diventare motore di vitalità e convivialità per l’intera città.

Un’apertura che intende porsi come punto di riferimento per tutta Venezia, ripartendo dalle tradizioni locali: quell’Aperol Spritz che ha compiuto 100 anni nel 2019 e che dal Veneto è diventato ormai un fenomeno sociale internazionale.

IL DESIGN CONCEPT

Per dare forma e natura simbolica a un luogo che si pone come punto di contatto tra passato e presente, tradizione e contemporaneità, profondità e leggerezza, Tiziano Vudafieri e Claudio Saverino hanno disegnato uno spazio che unisce le radici veneziane a una vibrante atmosfera cosmopolita.

Nel progetto di interior elementi della tradizione sono reinterpretati in chiave contemporanea. Troviamo così specchi veneziani che divengono monitor digitali per condividere foto con gli altri locali Aperol nel mondo; stucchi fatti a mano e pavimenti in legno recuperato dalle “bricole” veneziane (pali di quercia che segnalano i canali navigabili in laguna) con fughe arancioni; un bancone, ispirato ai bar della metà del XX secolo, rivestito con pannelli di policarbonato riciclato stampati in 3d; panche, le cui forme classiche si combinano con tessuti dai toni neutri e dallo stile contemporaneo.
In omaggio al colore iconico del marchio, sono molteplici i dettagli arancioni che caratterizzano l’atmosfera estetica del locale: dai bordi delle sedute al bagno total orange, dalle mensole agli specchi. Un vero e proprio “fil orange” unisce i diversi ambienti, conferendo al locale un tocco distintivo.

Terrazza Aperol è uno spazio fluido, interattivo, dinamico, al cui interno coesistono due diverse aree, comunicanti tra loro, ma accessibili da ingressi separati:

• il Bacaro, ispirato alla tradizione, dove provare l’autentico aperitivo veneziano

• il Bar, destinazione ideale in qualsiasi momento della giornata, dal caffè al dopocena, grazie alla sua ampia offerta food & beverage.

Entrambi gli ambienti si trovano in dialogo con la grande terrazza esterna di 90 mq che si affaccia su Campo Santo Stefano. Qui le diverse tipologie di spazi riflettono due diversi modi di stare insieme: dall’informale Bacaro esterno alla più confortevole area bar con servizio al tavolo.

IL BACARO APEROL

Spazio intimo, ma dinamico e conviviale, è caratterizzato da un soffitto storico in legno alla Sansovina, tipico di Venezia. L’atmosfera richiama quella delle tipiche osterie locali. Per questo spazio Vudafieri-Saverino Partners ha progettato ad hoc una particolare seduta: una lunga micro panca appoggiata a muro con piccoli tavoli pieghevoli integrati che contribuiscono a creare una fruizione informale e vivace.

Elemento distintivo sono i Digital Mirrors: specchi digitali, la cui forma sagomata rievoca quelli della tradizione veneziana. Questi touch point virtuali sono connessi in tempo reale con gli altri locali Aperol del mondo, creando dei punti di contatto digitali tra città e paesi diversi.

L’area Bacaro offre a qualsiasi ora della giornata un menù veneziano informale con protagonisti Aperol Spritz e cicchetti.

L’AREA BAR

Protagonista dello spazio è il grande bancone che si distingue per i pannelli di policarbonato riciclato stampati in 3d, retroilluminati nel caratteristico colore arancione e per il ripiano in corian bianco caldo. La forma del bancone e i frontali cannettati rimandano alla tradizione italiana del XX secolo, anche questa volta riletta in chiave contemporanea grazie all’utilizzo di materiali riciclati e alla stampa in 3d.

Sulla parete alle spalle del bancone troneggia a tutto altezza il display delle bottiglie con il suo fondo a specchio antico, i ripiani con bordi arancioni, le nicchie per ospitare le Magnum e i dinamici accenti di luce.

A illuminare lo spazio un soffitto percorso da strisce led che citano, attraverso un gioco di luci, il ritmo delle travi del vicino soffitto storico alla Sansovina e gli scenografici lampadari a sospensione su disegno, realizzati in vetro lavorato di Murano. Il bar ospita al suo interno diverse tipologie di tavoli e sedute, da sgabelli e panche dal carattere casual a tavoli e sedie tipo bistrot per un’esperienza food & drink più rilassata.

Le sedute sono in parte disegnate ad hoc e in parte di serie, ma con finiture e tessuti speciali Terrazza Aperol. Il colore Aperol caratterizza anche altri elementi di arredo: dai profili dei ripiani in vetro ai corpi illuminanti, fino ai bubble mirrors, bolle specchiate che rievocano l’essenza frizzante dei cocktail e che fanno capolino qua e là nella sala.

LA TERRAZZA OUTDOOR

Fluidamente connesso con l’interno attraverso ampie vetrate, lo spazio esterno presenta due aree distinte che rappresentano due diversi modi di vivere il mondo Aperol. Il dehors del Bacaro si caratterizza per tavoli alti, ideali per un aperitivo in piedi, e un accogliente e versatile zona lounge per una serata in compagnia en plein air con sedute custom made. L’area esterna del Bar presenta invece tavoli da bistrot tradizionali e classiche poltroncine da regista: uno spazio elegante e confortevole per gustare il menù food & beverage proposto al tavolo.

Trasparenza, apertura e una forte connessione tra interno ed esterno sono le caratteristiche principali della facciata.

MATERIALI E PROGETTO DI ILLUMINAZIONE

I materiali che caratterizzano lo spazio sono ispirati ai luoghi della tradizione mondana veneziana, come i caffè e gli antichi palazzi, rileggendone però in chiave contemporanea trame e tecniche di lavorazione.

Il pavimento è in legno di rovere di recupero, proveniente dalle “Bricole”. Lo stucco veneziano grigio – che ricorda i colori e le atmosfere dell’acqua della Laguna – è arricchito da tessere di mosaico di vetro di Murano arancione per esaltare il DNA del marchio. Il tradizionale soffitto a travi con giunti decorati – detto alla Sansovina – è stato restaurato e illuminato, mentre nella sala principale un sistema di illuminazione led ne rievoca la forma in senso contemporaneo; gli specchi sagomati richiamano quelli degli storici caffè veneziani.

Un mix di luce soffusa e coni focalizzati di luce diretta caratterizzano l’ambiente. Tavoli, merchandising e banconi sono enfatizzati dai faretti a soffitto e dalle linee led integrate. Il risultato è un’atmosfera calda e accogliente, con gli iconici lampadari in vetro di Murano che contribuiscono a creare una scenografia unica.

Nel rispetto del peculiare tessuto urbano che lo circonda, il locale è stato progettato sposando un concept volto all’utilizzo di materiali di recupero, contribuendo a generare un impatto positivo sull’ambiente.

UN LUOGO UNICO

Un’attenzione particolare è stata riservata alla proposta food, con un’esperienza che va dalla colazione al dopo cena, costruita intorno a un’offerta creata appositamente per Terrazza Aperol da Alessandro Negrini e Fabio Pisani, chef del Luogo di Aimo e Nadia, che hanno creato un menù basato sulla tradizione veneta, con materie prime italiane eccellenti e modulato sulla stagionalità, senza gerarchie rigide e di facile esecuzione. Terrazza Aperol ospiterà anche la prima linea di merchandising firmata Aperol, interamente Made in Veneto e ispirata a celebrare i momenti di convivialità e togetherness.

Nato in Veneto nel 1919, Aperol non rappresenta solo l’aperitivo italiano per eccellenza, bensì un mondo fatto di valori ed esperienze. Grazie al suo colore e al gusto inconfondibili, il brand si è ormai affermato a livello internazionale come un fenomeno culturale e sociale che coinvolge le persone in una sorta di rito collettivo dove si celebra la gioia dello stare insieme. Presentato per la prima volta cento anni fa alla Fiera Internazionale di Padova, Aperol è stato creato dai fratelli Luigi e Silvio Barbieri. Creatore e protagonista indiscusso della categoria dello spritz, Aperol si è guadagnato il meritato posto nella lista della International Bartender Association (IBA) come ingrediente base dello Spritz Veneziano.Aperol Spritz, il drink per eccellenza realizzato con Aperol, è oggi conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. E per un autentico aperitivo da preparare in modo ancora più semplice e immediato, è disponibile anche Aperol Spritz già miscelato – preservando rigorosamente gusto e qualità originali – pronto da versare, a cui aggiungere solo del ghiaccio e una fettina d’arancia.
Campari Group è uno dei maggiori player a livello globale nel settore degli spirit, con un portafoglio di oltre 50 marchi che si estendono fra brand a priorità globale, regionale e locale. Le priorità globali includono: Aperol, Appleton Estate, Campari, SKYY, Wild Turkey e Grand Marnier. Il Gruppo, fondato nel 1860, è il sesto per importanza nell’industria degli spirit di marca. Ha un network distributivo su scala globale che raggiunge oltre 190 Paesi nel mondo, con posizioni di primo piano in Europa e nelle Americhe. La strategia del Gruppo punta a coniugare la propria crescita organica, attraverso un forte brand building, e la crescita esterna, attraverso acquisizioni mirate di marchi e business. Con sede principale in Italia, a Sesto San Giovanni, Campari Group conta 22 impianti produttivi in tutto il mondo, e una rete distributiva propria in 22 paesi. Il Gruppo impiega circa 4.000 persone. Le azioni della capogruppo Davide Campari-Milano N.V. (Reuters CPRI.MI – Bloomberg CPR IM) sono quotate al Mercato Telematico di Borsa Italiana dal 2001.
Fedele alla tradizione milanese dell’atelier creativo, il lavoro dello Studio guidato da Tiziano Vudafieri e Claudio Saverino spazia tra l’architettura, il design d’interni, il retail moda, l’hotellerie e il food design affrontando sia i grandi temi della città, del paesaggio e della società, sia l’architettura dei luoghi residenziali, commerciali e industriali. Vudafieri-Saverino Partners ha sede a Milano e Shanghai ed ha nel tempo sviluppato progetti pressoché in ogni Paese e continente.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.


    Print Friendly, PDF & Email
    Condividi su:
    Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

      Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
      Autore articolo:
      Redazione

      Altri articoli:

      Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

      All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
      🔍