Dolomia è la prima acqua minerale col marchio IoSonoFvg

Conferme importanti e new entry per l’edizione 2022 di Beer&Food Attraction

Annunciate le vincitrici del concorso nazionale “Extra Cuoca – Il talento delle donne per l’olio extra vergine di oliva”

Federico Casucci vince Do It Dry! con il ready to drink Kolino

TUTTOFOOD. Da icona italiana a piatto globale: la pasta conquista il mondo

Il settore della Pasta, fra nuovi trend e abitudini, occupa da sempre un posto di rilievo a TUTTOFOOD, in programma a ottobre a Fiera Milano.


Era già uno dei piatti più amati al mondo, ma con i lockdown che ci hanno tenuti in casa più a lungo ci hanno spinti a cucinare di più, consacrando definitivamente la pasta a regina delle tavole globali. 

In occasione di TUTTOFOOD, che quest’anno si terrà a Fiera Milano in concomitanza con Host dal 22 al 26 ottobre, produttori e distributori del settore pasta potranno incontrarsi nell’area dedicata TUTTOPASTA.

A pochi mesi dall’inaugurazione della manifestazione, qual è la fotografia del mercato?

Nel 2020 le esportazioni italiane di Pasta e prodotti da forno si sono caratterizzate per una crescita spiccata, per le quali i migliori risultati si sono registrati per la provincia di Parma (+43 milioni € verso la Francia) e, soprattutto, per i territori di Napoli, Avellino e Campobasso verso gli Stati Uniti.

L’amore per la pasta non è una moda passeggera

I dati di Statista prevedono infatti che, dopo aver sfiorato i 123 miliardi di dollari nel 2021 (122.925 milioni per la precisione), a livello globale le vendite di pasta continueranno a crescere del 2,35% l’anno nei prossimi quattro anni. Per l’anno in corso si prevede che il maggior mercato mondiale sarà la Cina che, da sola, vale quasi 25 miliardi di dollari. In media, ogni consumatore mondiale mangia 7,7 kg di pasta per i quali spende 16,30 dollari.

E la patria della pasta? Secondo i dati di Unione Italiana Food – partner di TUTTOFOOD – in Italia il 2020 è stato un anno d’oro tanto per i consumi interni come per le esportazioni. Nel Paese si sono vendute oltre 50 milioni di confezioni in più, con punte di circa il +40% a marzo e +10% tra ottobre e novembre e le esportazioni sono cresciute del 16%, superando i 3,1 miliardi di euro. Gli USA sono diventati i maggiori consumatori mondiali di pasta italiana grazie a un +40% record che concretizza il sorpasso su Francia (+4,3%) e Germania (+16%). Ottimi risultati anche dalla Gran Bretagna (+19%) a dispetto della Brexit.

Gli italiani, “pasta chef” casalinghi, curiosi e sostenibili

La pasta è stata una delle grandi protagoniste del carrello della spesa durante i lockdown del 2020. Ma come cambiano le abitudini dei consumatori e quali sono i prodotti che richiedono? La possibilità di cucinare di più a casa ha senza dubbio rinforzato anche l’autostima di molte italiane e di molti italiani che si sono cimentati in ricette innovative e hanno provato prodotti “diversi dal solito” continuando a sentirsi chef “casalinghi”. Si è quindi registrata una propensione all’acquisto di prodotti particolari per gratificarsi e divertirsi, cucinando qualcosa di nuovo e sperimentando piatti nuovi, ricorrendo talvolta alla pasta fresca surgelata, alternativa senza dubbio più pratica alla produzione “home made” e che sembra essere stata particolarmente apprezzata per il suo aspetto, sapore e consistenza del tutto simile alla produzione artigianale. Un prodotto, quello della pasta fresca surgelata, che è stata molto gradita anche all’estero e che per la sua conservazione sotto zero ha permesso a molte realtà produttive di superare i confini italiani, con la garanzia di esportare un prodotto senza conservanti, buono e sano.

Ma il 2020 non è stato solo l’anno del boom di consumo di pasta. Anche una nicchia come quella degli gnocchi ha vissuto i cambiamenti di questo periodo così particolare, in positivo! Oltre all’intramontabile classico gnocco di patate abbinato a svariati sughi, il comparto ha affiancato al must della tradizione una proposta alternativa: gli gnocchi ripieni. Nuovi formati, dunque, vengono richiesti dai consumatori che rivolgono particolare attenzione a diversificate forme di gusto e sapori, ma anche al packaging premiando le aziende più virtuose che presentano sul mercato imballi riciclabili e più sostenibili.

A TUTTOFOOD 2021, in concomitanza con HostMilano a Fieramilano dal 22 al 26 ottobre prossimi, i leader di settore saranno i protagonisti dell’area dedicata TUTTOPASTA.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.


    Print Friendly, PDF & Email
    Condividi su:
    Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

      Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
      Autore articolo:
      Redazione 2

      Altri articoli:

      Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

      All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
       
      🔍