Dolomia è la prima acqua minerale col marchio IoSonoFvg

Conferme importanti e new entry per l’edizione 2022 di Beer&Food Attraction

Annunciate le vincitrici del concorso nazionale “Extra Cuoca – Il talento delle donne per l’olio extra vergine di oliva”

Federico Casucci vince Do It Dry! con il ready to drink Kolino

Guida Michelin Francia 2019: un italo argentino tra i nuovi tre stelle

È ricca l’edizione numero 110 della guida Michelin France 2019. Raggiungono quota 632 i ristoranti stellati, con 75 nuovi ingressi in guida. La guida segnala inoltre 2116 hotel. Nel dettaglio da oggi la Francia vanta 520 ristoranti a una stella Michelin (68 novità); 85 ristoranti due stelle (5 novità) e 27 tre stelle con due […]

Libri Ristorazione Redazione 4 - 28 Gennaio 2019

È ricca l’edizione numero 110 della guida Michelin France 2019.
Raggiungono quota 632 i ristoranti stellati, con 75 nuovi ingressi in guida. La guida segnala inoltre 2116 hotel.
Nel dettaglio da oggi la Francia vanta 520 ristoranti a una stella Michelin (68 novità); 85 ristoranti due stelle (5 novità) e 27 tre stelle con due nuovi ingressi.

Mauro Colagreco
, chef di origine italo-argentine in Francia da oltre venti anni, dopo la nomina come terzo miglior ristorante del mondo nella speciale classifica “The World’s 50 Best Restaurants 2018“, conquista la terza stella Michelin con il suo Mirazur, ristorante dalla splendida posizione sul confine franco-italiano.
La posizione unica del ristorante Mirazur si riflette nel menu per l’abbondanza di pescato, verdure, erbe e la frutta dai giardini e dell’orto del ristorante, così come influiscono i mercati giornalieri di Mentone e Ventimiglia.

Altra novità al vertice è Clos des Sens che ottiene a pari merito il massimo riconoscimento delle tre stelle Michelin. Ad Annecy-le-Vieux, lo chef Laurent Petit e la sua brigata immagina una cucina vegetale e lacustre che metta in evidenza i migliori prodotti locali, esprimendo la quintessenza di verdure ed erbe del suo stesso giardino.
Ma non solo conquiste. Hanno fatto discutere le perdite di stelle a Barbot (Astrance), Veyrat (Maison des Bois) e allo storico l’Auberge de l’Ill di Haeberlin. Perdite simboliche, se si pensa che L’Auberge è arrivato a festeggiare 50 anni da tristellato, e che Veyrat la terza stella l’aveva conquistata solo un anno fa.

Leggi anche: Il plauso di Fipe per la stella Michelin a Simone Tondo

 


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 4

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
     
    🔍