Dolomia è la prima acqua minerale col marchio IoSonoFvg

Conferme importanti e new entry per l’edizione 2022 di Beer&Food Attraction

Annunciate le vincitrici del concorso nazionale “Extra Cuoca – Il talento delle donne per l’olio extra vergine di oliva”

Federico Casucci vince Do It Dry! con il ready to drink Kolino

La produzione di olio d’oliva in Italia è ai minimi storici

La produzione di olio d’oliva nel nostro paese è in calo del 57% rispetto al 2017, lo rilevano le ultime elaborazioni dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (Ismea) che considerano la scorsa stagione come “una delle peggiori annate di sempre per l’olivicoltura nazionale”. Il report è stato realizzato sulla base dei dichiarativi di […]

Attualità Olio e condimenti Redazione 4 - 4 Febbraio 2019

La produzione di olio d’oliva nel nostro paese è in calo del 57% rispetto al 2017, lo rilevano le ultime elaborazioni dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (Ismea) che considerano la scorsa stagione come “una delle peggiori annate di sempre per l’olivicoltura nazionale”.

Il report è stato realizzato sulla base dei dichiarativi di dicembre e colloca la produzione di olio di oliva del 2018 a 185mila tonnellate, ulteriore ribasso rispetto alle stime già poco ottimistiche di Ismea.
L’analisi dei ricercatori rileva che la Puglia da sola è colpita da una flessione del 65%; un dato allarmante considerando che qui si realizza metà della produzione nazionale.
Gelate e problemi fitosanitari hanno contribuito a questo calo che, secondo l’Istituto, quasi seguono un ciclo; negli ultimi sei anni, infatti, questo è il terzo che le campagne di “scarica” si presentano con flessioni produttive che vanno oltre la fisiologica alternanza, a causa della frequenza con cui si manifestano eventi meteorologici avversi.
Calano le quantità disponibili e di conseguenza, inoltre, aumentano i prezzi: i listini dell’extra vergine hanno raggiunto a dicembre i 5,60 euro al kg (+40% rispetto a giugno), con valori superiori ai 7 euro al chilo in Sicilia e vicini ai 6 euro nel Barese.

Italia Olivicola
, inoltre, punta i riflettori su un altro problema; secondo i dati dell’Icqrf (Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressioni frodi), a fine settembre 100 mila tonnellate di extravergine d’oliva italiano non era stato commercializzato nonostante le previsioni di forte richiesta. L’elevato quantitativo di olio importato, induce Italia Olivicola, infine a sospettare che l’olio Made in Italy non sia tale; anche questa notizia fa quindi pensare che il mercato dell’olio deve essere tenuto sotto controllo


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 4

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
     
    🔍