A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

Francesca Amadori licenziata dall’azienda di famiglia

Francesca Amadori, nipote del noto imprenditore avicolo Francesco Amadori, è stata licenziata dall'azienda di famiglia

Aziende Notizie Redazione 5 - 17 Gennaio 2022

      Ascolta la notizia in formato audio

Francesca Amadori, nipote dell’imprenditore avicolo Francesco Amadori, noto anche per un famoso spot televisivo, è stata licenziata dall’azienda di famiglia. La notizia è stata riportata dall’edizione de Il Resto del Carlino di Cesena, città dove ha sede l’impresa e ripresa da Ansa.

Da quanto si apprende, i rapporti  tra l’azienda e Francesca Amadori, che aveva il ruolo di responsabile della comunicazione del gruppo, risultavano tesi, tanto da giungere all’immediata interruzione del rapporto di lavoro. Il consorzio operativo Gesco del Gruppo Amadori ha confermato il licenziamento, avvenuto per motivazioni in linea con i principi aziendali, sottolineando che le regole sono valide per tutti i dipendenti, senza nessuna distinzione.

In seguito all’episodio, è stata convocata l’assemblea dei soci di Romagna Iniziative, il consorzio che raggruppa le industrie della Romagna. durante la quale i soci hanno ringraziato Francesca Amadori per il ruolo svolto, chiedendole di rimanere al suo posto.

Da tempo si vociferava di una rottura professionale tra Francesca e l’azienda gestita dalla sua famiglia, di cui il padre, Flavio, è presidente.

Amadori

Amadori è un’azienda fondata nel 1969 dai fratelli Francesco e Arnaldo Amadori a San Vittore di Cesena. Oggi Amadori è una delle maggiori aziende agroalimentari in Italia, specializzata nel settore avicolo. Amadori gestisce direttamente l’intera filiera integrata, ed è presente sul territorio nazionale con 6 incubatoi, 6 mangimifici, 6 stabilimenti di trasformazione alimentare (a Cesena, Mosciano Sant’Angelo, Santa Sofia, Cazzago San Martino, Monteriggioni, Controguerra), 19 tra filiali e agenzie, 3 piattaforme logistiche primarie, oltre 800 allevamenti e più di 7.800 collaboratori.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 5

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍