A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

#PagoQuantoBevo: l’app che promuove il bere responsabile

Arriva la App #PagoQuantoBevo bevi responsabile, bevi sostenibile. Presentata alla settima edizione della Maker Faire Rome, la rassegna dell’innovazione promossa dalla Camera di Commercio di Roma, è firmata dalla start up pOsti. Si tratta di un tappo digitale dotato di flussimetro e collegato ad una app: misura il quantitativo esatto di vino versato, lo traccia […]

Tecnologia Redazione 4 - 5 Novembre 2019

Arriva la App #PagoQuantoBevo bevi responsabile, bevi sostenibile. Presentata alla settima edizione della Maker Faire Rome, la rassegna dell’innovazione promossa dalla Camera di Commercio di Roma, è firmata dalla start up pOsti.

Si tratta di un tappo digitale dotato di flussimetro e collegato ad una app: misura il quantitativo esatto di vino versato, lo traccia in blockchain, rilevando il grado alcolemico in relazione alle caratteristiche fisiche che il bevitore inserisce sull’app, e calcolando inoltre il costo della consumazione rapportandolo esattamente ai dl bevuti.

#PagoQuantoBevo, sottolinea il fondatore di pOsti Virgilio Maretto, ”rivoluziona il mondo nel vino e attraverso la tecnologia valorizza un bere consapevole. Ad oggi il prezzo è sempre a calice e non si ha cognizione del grado alcolemico. Il bere diventa così tech, equo e consapevole“.

pOsti è il primo food concept che valorizza le ricette tradizionali delle regioni italiane e dei suoi osti unendole a una narrazione e certificazione attraverso strumenti digitali. Per la prima volta la singola ricetta, documentata nella sua autenticità (Istituti culturali, oste, chef, etc) ha il suo certificato di qualità, che ne attesta la storia, la composizione, la lavorazione, sistemi di cottura, fino al piatto finale, incluso anche il post consumo: anche la recensione del consumatore diventa codificata e immutabile. Tra le tante novità presentate al Maker Faire di Roma anche il “kit plug&play” del banchista hi-tech. Un mix di tecnologia e informatica. Sì perché se chi beve deve farlo con moderazione, è giusto anche che sappia cosa sta bevendo. Cosa più complessa da fare in un locale a meno che non si chieda di leggere l’etichetta del vino. Ecco che allora con questo strumento sullo scontrino potremmo avere quattro informazioni: varietà, provenienza, data di raccolta e grado di maturazione del vino che abbiamo scelto.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 5/5 (1)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 4

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍