A Viareggio la seconda tappa del Sina Chefs’ Cup Contest

Ricola celebra con Slow Food la Giornata Mondiale delle Api

A Tuttopizza il nuovo servizio di Casolaro Hotellerie per piatti personalizzati

Per la Giornata Mondiale della Biodiversità, Mulino Bianco lancia “Rigoli Special Edition”

Pellegrini presenta Apapà, il ricordo di Matteo Correggia

Il distributore di vini e distillati Pellegrini S.p.A. annuncia con piacere l’ingresso a catalogo di Apapà, il nuovo Nebbiolo dell’Azienda Agricola Matteo Correggia, nato dal desiderio di Giovanni e Brigitta Correggia, figli di Matteo, di celebrare gli insegnamenti trasmessi da un padre che amava le sfide e la sperimentazione. “Ho conosciuto bene Matteo, le sue capacità e il suo genio e sono […]

Vino & Spumante Redazione 2 - 11 Dicembre 2019

Pellegrini Apapà

Il distributore di vini e distillati Pellegrini S.p.A. annuncia con piacere l’ingresso a catalogo di Apapà, il nuovo Nebbiolo dell’Azienda Agricola Matteo Correggia, nato dal desiderio di Giovanni e Brigitta Correggia, figli di Matteo, di celebrare gli insegnamenti trasmessi da un padre che amava le sfide e la sperimentazione.

“Ho conosciuto bene Matteo, le sue capacità e il suo genio e sono felice di pensarlo altrettanto felice guardando dall’alto la sua famiglia e i suoi figli realizzare l’obiettivo che la sua vita, purtroppo troppo breve, non gli ha permesso di realizzare” – racconta Pietro Pellegrini, Presidente Pellegrini S.p.A.

Il progetto Apapà prende vita grazie all’incastro perfetto di due personalità opposte, con abilità e interessi differenti, ma unite dallo stesso sangue, dalla passione per il proprio lavoro e da un unico sogno: racchiudere in un vino tutti gli insegnamenti di papà Matteo, scomparso prematuramente nel 2001. Giovanni ha deciso come crearlo, Brigitta ha studiato come “vestirlo”.

Apapà è un Nebbiolo 100%, nato da una selezione di viti vecchie della vigna “La Val dei Preti” e prodotto completamente in anfore di ceramica. La denominazione sarà “Vino rosso” poiché la denominazione “Roero” richiede un affinamento in botti di legno, che noi abbiamo scelto di non fare. La produzione è di solo 400 bottiglie e la prima annata è il 2015” – spiega Giovanni Correggia.

Ci hai insegnato che la via del cuore porta sempre a guardare avanti. Questo vino è per te” è il pensiero che Giovanni e Brigitta dedicano al padre, ripreso anche sull’etichetta della bottiglia e sull’elegante seppur semplice astuccio che la contiene.

È stata proprio Brigitta a occuparsi della parte grafica: “L’etichetta raffigura tre alberimamma, Giovanni ed io – ciascuno con la propria individualità ma armonici nell’insieme. Le radici simboleggiano la nostra tradizione e il nostro passato turbolento, dal quale traiamo forza ed energia. Al centro un cuore astratto, dove si convoglia la linfa che risale dalle radici, inteso come sede in cui custodiamo gelosamente il ricordo di nostro padre, quello più intimo. È il posto in cui risiedono tutti i valori che ci ha trasmesso: amore, passione, ascolto del proprio intuito, innovazione e la voglia di mettersi in gioco. Infine i rami che partono dal cuore estendendosi verso l’alto, come fanno i pensieri, e toccano il cielo per arrivare a papà”.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: 5/5 (1)

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍