Vinòforum: 20 anni di vino e cibo a Roma

HostMilano. Il mondo del gelato tra performance, equipment e trend

AVPN: Stefano De Filippo si conferma vincitore del Vera Pizza Contest

Grande successo per l’evento solidale “Uno Chef per Amico”

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



In Piemonte successo per hotel e ristoranti durante le vacanze natalizie

Registrato un boom di presenze nei ristoranti e negli alberghi del Piemonte durante il periodo delle vacanze natalizie, anche se in modo poco uniforme. Infatti, mentre nel biellese e nel cuneese le cose sono andate benissimo, nelle valli torinesi il maltempo ha allontanato le persone dalle piste da sci, specie le famiglie con bambini per […]

Redazione - Pubblicato il 11 Gennaio 2018 alle ore 6:30
Categoria: Attualità Categoria: Ospitalità e Turismo

Piemonte

Registrato un boom di presenze nei ristoranti e negli alberghi del Piemonte durante il periodo delle vacanze natalizie, anche se in modo poco uniforme.
Infatti, mentre nel biellese e nel cuneese le cose sono andate benissimo, nelle valli torinesi il maltempo ha allontanato le persone dalle piste da sci, specie le famiglie con bambini per i quali sicuramente non era consigliato avvicinarsi alla disciplina. Vento, pioggia e la paura di un ulteriore perturbazione ha fatto registrare un calo delle presenze simile a quello di due anni fa.
Sicuramente, fa notare Massimo Bonetti, Presidente del Consorzio Turistico che unisce i così detti Comuni Olimpici Vdella Via Lattea (Cesana Torinese, Claviere Pragelato, Sauze di Cesana, Sauze d’Oulx, Sestriere) l’occupazione alberghiera è calata 90% rispetto allo scorso anno. A tirarsi indietro sono stati soprattutto i turisti giornalieri, mentre i turisti settimanali non hanno disdetto neanche nei giorni di forte maltempo.
A subire di più gli effetti delle avverse condizioni climatiche sono state ovviamente le società di Skipass e i maestri di sci; al contrario, affari a gonfie vele per bar e ristoranti, luoghi al chiuso preferiti dai turisti rispetto alle piste.
Per quanto riguarda gli hotel, in alta Val Susa e Chisone la percentuale di occupazione delle camere è stata dal 95 al 100% in occasione del Capodanno. Complici anche i tanti eventi che sono stati organizzati: dai fuochi d’artificio sulle piste di Sestriere alla Wave Experience di Bardonecchia. Anche sul Gran Paradiso l’81% degli alberghi risultava prenotato.
Festeggia la Regione che rivendica le azioni politiche a sostegno del turismo montano, con i 24,5 milioni di euro investiti negli impianti, i fondi per la sicurezza e l’innevamento e la modifica della legge regionale 2 del 2009.
Intanto, conferma Bonetti, crescono le prenotazioni per i prossimi due mesi: forse si è fiduciosi in una maggiore clemenza delle condizioni climatiche per i mesi di febbraio e marzo.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Alberto PresuttiAngela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍