Franco’s bar on tour: da Positano arrivano i cocktail firmati Le Sirenuse

Prosegue la partnership tra Riso Gallo e Rossopomodoro

Ecco i 30 protagonisti selezionati pe la semifinale del concorso Artista del Panino 2021

La guida Flos Olei inserisce l’Azienda Agraria Viola nella Hall of Fame

Halldis: uno studio dimostra i vantaggi della gestione professionale degli affitti brevi

Cresce la domanda per gli affitti brevi nel mondo: uno studio di Halldis dimostra i vantaggi per i proprietari degli immobili che si affidano a una gestione professionale

Indagini e Ricerche Ospitalità Redazione - 22 Novembre 2021

Halldis – uno dei primi operatori nazionali negli affitti brevi attivo dal 1986, che offre al mercato oltre 1.000 proprietà, tra appartamenti, palazzi e ville in più di 120 località italiane ed europee – ha rilasciato da poco uno studio che mette a confronto i propri dati con quelli di Vacation Rental World Summit (VRWS) 2021, il summit mondiale dell’extra alberghiero.

Ciò che si rileva è che aumenta la domanda di immobili da destinare agli affitti brevi, ma si pone sempre più la necessità di una loro gestione professionale. Oggi in Europa solo il 13,6% degli operatori gestisce più di 50 proprietà, con il dato italiano sulla falsariga (12,9%), mentre nel Nord America la percentuale sale al 17,9%. Un proprietario che si rivolge a una struttura manageriale destina mediamente circa il 30% del suo fatturato tra costi della gestione e marketing, ma può arrivare a guadagnare fino al 10% in più rispetto al proprietario fai da te.
Attualmente l’industria mondiale dello short rental offre al mercato 15 milioni di proprietà, i manager che li governano sono 100.000 e il valore del fatturato è pari a 150 MLD dollari. Si prevede che nei prossimi cinque anni saranno necessarie oltre cinque milioni di proprietà per soddisfare l’aumento della domanda.
A giugno 2021 gli host con più di 50 proprietà erano il 17,9% nel Nord America, 13,6% ln Europa (12,9% in Italia), 12,9% in Oceania, 6% in Asia e 2,4% in America Latina.

Un immobile condotto da un operatore professionale costa al proprietario il 25% in management fees e il 15% in OTA (Online Travel Agencies), mentre le spese di un proprietario fai da te si possono limitare a un valore minimo del 3% se si utilizzata una piattaforma come Airbnb – il canale distributivo meno costoso per un privato – e del 5% tra spese in pulizia e costi di call out.
Il processo operativo che va dal proprietario al cliente consente di ammortizzare i costi per i manager e i programmi applicativi, come quelli che consentono di essere al contempo presenti su più canali (PMS System), che possono variare dal 10 al 30%, le commissioni sui marketplace/OTA (dal 3 al 20%) e le spese legate alla carte e ai sistemi di pagamento digitali (dall’1 al 5%), ma la gestione attraverso un operatore professionale permette al proprietario di ottenere un ritorno economico fino il 29% in più (booking value).

“Gli affitti brevi – afferma Michele Diamantini, CEO di Halldis, già tra i fondatori di Expedia Italia e co-founder e GM di Vacasa Europasono un comparto con margini di crescita notevoli e necessitano di una conduzione professionale. Il management è in grado di assolvere le richieste del cliente, che per esempio vuole immediatezza della risposta e ampia possibilità di scelta, o gestire i prezzi con un sistema di Price Revenue Management, tramite cui è possibile mantenere le tariffe costantemente allineate alla domanda. Stiamo inoltre affrontando le sfide della PropTech: dagli ingressi automatizzati ai dispositivi di monitoraggio degli ambienti, dalle ispezioni a distanza all’aumento in genere delle aspettative degli ospiti e degli investimenti dei proprietari alle modalità di prenotazioni più flessibili”. Ci sarà sempre più bisogno – continua Diamantini – di una gestione professionale degli immobili e delle proprietà. È necessario compiere nuove scelte di distribuzione e gestione dei servizi con l’obiettivo di migliorare, da un lato l’offerta per i clienti finali, molti dei quali, come per esempio nel nostro caso, provengono anche dall’estero, dall’altro lo sviluppo della qualità della gestione riconosciuta dai proprietari. Questi chiedono che le loro unità immobiliari siano amministrate con un servizio a 360 gradi: promozione attraverso canali fisici e online, affitto e contrattualizzazione, manutenzione, pulizia e controllo delle unità, accoglienza dei clienti, fornitura di servizi di base e ad hoc. I proprietari hanno più vantaggi: si assicurano la gestione completa dell’appartamento, ma in modo flessibile, possono cioè utilizzare le proprie unità per periodi determinati in caso di necessità.”

Michele Diamantini, CEO di Halldis

 

Halldis, società italiana con sede a Milano, è uno dei primi operatori nazionali negli affitti brevi. La sua attività risale alla gestione di ville in Toscana dal 1986. Oggi offre al mercato, per conto di proprietari privati e istituzionali (banche, fondi e SGR) oltre 1.000 proprietà, tra appartamenti, palazzi e ville, in più di 120 località italiane ed europee, affittate per uso turistico o motivi di lavoro. CEO è Michele Diamantini, già tra i fondatori di Expedia Italia e co-founder e GM di Vacasa Europa. Il volume d’affari di Halldis per il 2020 è di circa otto milioni di euro.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
     
    🔍