Martini sponsor di due importanti eventi musicali a Milano

Gli chef Claudio Sadler e Gennaro Balice protagonisti della terza tappa del Charing Golf Tour 2022

S.Pellegrino Young Chef Academy Competition 2022-23: svelata la giuria internazionale

Barista Attitude al World of Coffee con Tempesta

Il mercato dei formaggi tra inflazione e nuove abitudini dei consumatori

Nel 2021 il mercato dei formaggi ha mostrato i primi segni di sofferenza. Solo il discount e l'e-commerce riportano performance positive. Un focus IRI.


La pandemia da Covid-19 ha cambiato a lungo termine i nostri stili di consumo fuori casa e il nostro modo di fare la spesa.

Nel 2020 le misure di contenimento varate dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria hanno limitato la fruibilità di bar e ristoranti, causando il crollo dei consumi fuori casa ed uno speculare incremento di quelli casalinghi. Nel 2022 il ritorno a una graduale normalità sembrava ormai alle porte e invece il conflitto tra Russia e Ucraina ha di nuovo cambiato le carte in tavola, tra esplosione dei prezzi delle materie prime, inflazione, caro energia.

In questo contesto, IRI ha analizzato il mercato dei Formaggi, che nel primo trimestre 2022 ha segnato un calo a valore del -4,9% e a volume del -7,3%, con focus sui canali distributivi e sull’offerta a scaffale.

Secondo un’indagine condotta dall’Istituto Piepoli presentata all’ultimo workshop di Cibus Lab, i Formaggi oggi vengono consumati da circa l’85% degli italiani e sono acquistati principalmente nei negozi della GDO (così dichiara il 77% della popolazione; percentuale che sale all’83% se si analizza solo il Nord Italia).

Canali Distributivi: il successo del Discount

La robusta crescita segnata dal canale Discount nel Formaggi a Peso Imposto, che ha visto incrementare il proprio fatturato di 79 milioni di Euro, si accompagna ad un consolidamento del canale E-Commerce che nel 2021 ha raggiunto i 67 milioni di Euro di fatturato con una crescita del +10,3% rispetto al 2020.

La tendenza è invece negativa per gli altri canali, tra i quali risulta in particolare sofferenza il canale di Prossimità (Libero Servizio Piccolo), in flessione del -8,4% rispetto all’anno precedente.

La crescita del Discount e la contestuale sofferenza del canale di prossimità possono in qualche modo essere messe in relazione? I risultati del sondaggio sui consumatori condotto da RemLab a febbraio 2022 sulle ragioni di scelta del Discount sembrano suggerire di sì.

Se infatti la convenienza rimane il principale vantaggio competitivo del canale, altre ragioni di preferenza espresse dagli intervistati portano a suggerire che il Discount costituisca ormai una nuova dimensione della prossimità:

  • I punti di vendita sono collocati in aree facilmente accessibili.
  • I prodotti sono disposti in modo ordinato e sono facili da trovare.
  • La spesa è più rapida data la dimensione ridotta del negozio.
  • L’assortimento è completo ma non eccessivo come nei Supermercati.

Gli assortimenti: si allarga l’offerta a scaffale

L’assortimento a scaffale dei Formaggi a Peso Imposto cresce in tutti i canali, con un ritmo più sostenuto nel Discount, dove numericamente l’offerta è ormai molto simile a quella del canale di prossimità. Quanto al profilo dell’offerta del Discount, risulta evidente la forte assimilabilità con quello proposto dai Supermercati: gli assortimenti sono infatti in linea in relazione alle diverse tipologie (Freschi, Fusi, Stagionati e Grana), al peso dei prodotti a denominazioni di origine piuttosto che con presenza o meno di lattosio. L’unica differenza è legata all’origine del latte: nei Discount la componente di prodotti con latte di origine non italiana è superiore rispetto a quella di prodotti con latte italiano, mentre nei Supermercati vi è un maggior bilanciamento delle due proposte.

Cosa ci si può aspettare dal futuro del mercato?

Come si può evincere dalle analisi proposte nelle pagine precedenti, nel 2021 la tendenza del mercato dei Formaggi ha mostrato i primi segnali di sofferenza, segnali che si stanno rafforzando nel primo trimestre del 2022.

Nel contesto attuale i fattori di discontinuità generano profonda incertezza sulle aspettative future: difficile quindi fare previsioni attendibili sulle prospettive del mercato nei prossimi mesi.

La riduzione del potere d’acquisto delle famiglie rafforzerà l’orientamento della domanda verso la convenienza; allo stesso tempo l’esplosione dei prezzi delle materie prime alimenterà la ripresa dell’inflazione sul punto vendita.

In questo scenario il canale Discount troverà terreno fertile per rafforzare ulteriormente la sua posizione competitiva rispetto agli altri canali.

La GDO dovrà quindi trovare strade alternative per recuperare attrattività: maggior attenzione al servizio e distintività della proposta assortimentale saranno fattori determinanti per smarcarsi dalla prospettiva di una spietata «guerra dei prezzi» in cui tutti gli attori della filiera avrebbero solo che da perdere.


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
    Autore articolo:
    Redazione 2

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Angela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍