Distilleria Nardini si aggiudica 4 medaglie all’Alambicco D’Oro

Premio nazionale Extra Cuoca. C’è tempo fino al 31 maggio per l’iscrizione

Presentata l’edizione 2023 del Pizza Village Napoli

La prima romana dei Roero Days si è chiusa in grande stile

Notizie FLASH
Guarda tutte le ultime Notizie FLASH

NOTIZIE FLASH



Massimo Bottura a Bruxelles con il suo progetto Food For Soul

Milleduecento persone hanno preso parte a Bruxelles ad un incontro con Massimo Bottura, chef e proprietario della Osteria Francescana, tre stelle Michelin e primo ristorante nazionale a essere annoverato nel 2016 tra i 50 migliori al mondo.  L’occasione è nata dalla presentazione, nell’ambito del Forum per il futuro dell’agricoltura, del suo progetto “Food for soul” […]

Redazione - Pubblicato il 4 Aprile 2018 alle ore 6:45
Categoria: Attualità Categoria: Protagonisti

Milleduecento persone hanno preso parte a Bruxelles ad un incontro con Massimo Bottura, chef e proprietario della Osteria Francescana, tre stelle Michelin e primo ristorante nazionale a essere annoverato nel 2016 tra i 50 migliori al mondo. 
L’occasione è nata dalla presentazione, nell’ambito del Forum per il futuro dell’agricoltura, del suo progetto “Food for soul” cibo per l’anima. In questa occasione Bottura ha dichiarato di essere convinto che saranno gli chef il futuro dell’agricoltura; a loro il compito di salvare la biodiversità e la cultura della lavorazione della terra.

Il progetto Food for Soul è nato per combattere lo spreco alimentare attraverso la creazione di refettori “stellati” sorti in strutture abbandonate successivamente riqualificate.
E così al Teatro Greco di Milano, chiuso dagli anni Trenta con 15 tonnellate di cibo scartato ha realizzato piatti gustosi e salutari per i bisognosi e senzatetto della città. Operazione analoga a Rio de Janeiro, Londra e Parigi e più di recente New York.
Massimo Bottura, che ha dato il via a questo esperimento accogliendo la sfida dello slogan di Expo 2015 “Nutrire il pianeta”, si è oramai dedicato corpo e anima a questo progetto che tenta di esportare in tutti i grandi centri, al fine di sensibilizzare verso il tema della spreco alimentare e di dare possibilità a tutti di accedere a un’alimentazione sana e fatta di ingredienti semplici.
“Qualità delle idee, potere della bellezza e valore dell’ospitalità” i principi guida dello chef stellato. “In un momento in cui tutti costruiscono i muri, noi i muri li abbattiamo e apriamo le porte ha dichiarato Massimo Bottura in un’intervista rilasciata all’Ansa – Io tengo la porta dell’inaspettato sempre aperta. E ci entro tutte le volte. Uno dei prossimi refettori sarà a Napoli“.
Ma non si tratta di “semplice beneficenza”, questo lo chef ci tiene a sottolinearlo; piuttosto il suo progetto vuole mettere in moto un processo culturale intorno a luoghi da far rinascere. Fra gli chef che hano sposato con entusiasmo l’idea Albert Adria, Alain Ducasse, Virgilio Martinez, Rodolfo Guzman, Mitsuaru Tsumura, Mauro Colagreco, Helena Rizzo, Carlos Garcìa, Enrique Olvera, Joan Roca, Rafa Costa e Silva


Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Questo articolo ha una valutazione media di: Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Autore articolo:
    Redazione

    Altri articoli:

    Puoi usare i filtri dei menu a tendina per selezionare gli autori o le categorie o fare una ricerca libera.

    All Alberto PresuttiAngela PetroccioneDavide Di VietroFabio RussoRedazione 7 HorecanewsninmorfeoRedazioneRedazione 2Redazione 3Redazione 4Redazione 5Rosaria CastaldoSimona RiccioValentina Masotti
    🔍